Foto: Dai tacchi ai tacchetti si giocano i Mondiali in rosa - Quando il calcio è donna

La Fifa condanna le dichiarazioni omofobe di Eucharia Uche, ct della nazionale femminile nigeriana impegnata nei Mondiali in Germania. "La Fifa contrasta ogni forma di discriminazione", dice Tatjana Haenni, dirigente addetta alle competizioni femminile, all'emittente radiofonica tedesca Hessischer Rundfunk. La Uche ha destato scalpore definendo l'omosessualità  "qualcosa di sporco" e "moralmente sbagliato".

"Siamo in un evento della Fifa, le spiegheremo che sarebbe opportuno esprimersi in maniera equilibrata", dice la Haenni.  L'allenatrice della selezione nigeriana sembra sorpresa dal clamore  provocato dalle sua parole: "Non capisco perché sia nata una simile discussione. Ogni paese ha leggi e costumi, per questo non capisco per quale motivo la gente qui abbia reagito in questo modo". La Nigeria domani affronta la Germania: nella selezione tedesca diverse giocatrici hanno fatto dichiarato apertamente la propria omosessualità.