Il Real Madrid non sfrutta il mezzo passo falso del Barcellona nel derby con l’Espanyol e non va oltre il 2-2 a Valencia. E’ un ritorno agrodolce quello di Benitez al Mestalla. L’allenatore del Real, accolto con grande affetto dal pubblico di Valencia dove ha vinto due titoli nella Liga e una Coppa Uefa, non ha potuto festeggiare l’aggancio, seppur con una partita in più, ai catalani. Al Mestalla finisce infatti 2-2. Alla rete del momentaneo vantaggio di Benzema risponde Parejo su calcio di rigore. Con i blancos in 10 dal 69’ per l’espulsione dell’ex interista Kovacic, Bale trova la rete del momentaneo 2-1 blanco all’82’. Ma il vantaggio del Real dura 30 secondi, il tempo necessario a Pablo Alcacer per trovare la rete del definitivo 2-2. Con questo pareggio il Real sale a quota 37, a 2- dal Barça secondo e a -4 dall’Atletico capolista.

Consolida il quarto posto, a -1 dal Real Madrid, il Villarreal. Una doppietta di Bruno Soriano, già decisivo nel derby con il Valencia, permette ai ragazzi di Marcelino di piegare 2-1 a Riazor il Deportivo. Nell’altre sfide della domenica fa festa il Granada che nel derby andaluso batte 2-1 il Siviglia e si porta fuori dalla zona retrocessione salendo a quota 17; giornata amara anche per l’altra squadra di Siviglia, il Betis, che cade 4-0 in casa contro il sempre più sorprendente Eibar, ormai ad un solo punto dalla zona Europa League e da quel sesto posto occupato dall’Athletic Bilbao. Il solito Aduriz e a Inaki Williams non sono bastati a baschi per battere il Las Palmas. A San Mames finisce 2-2 come tra Rayo Vallecano e Real Sociedad.