Dopo due pareggi contro Watford e Manchester United, il Chelsea riparte con un netto 3-0 sul Crystal Palace. Partita mai in discussione al Selhurst Park, dove Hiddink ha raggiunto la prima vittoria da quando è tornato sulla panchina dei Blues. Il giorno dell’ultima contro il Sunderland (la prima dopo l’esonero di José Mourinho), era in tribuna a Stamford Bridge con patron Abramovich, e in campo c’era Steve Holland. Dopo lo 0-0 contro i Red Devils, per i Blues è la seconda gara senza subire gol in campionato, anche per questo l’allenatore olandese può guardare con fiducia al futuro. La classifica non è ancora rassicurante: 14° punto a quota 23 punti, ma i campioni d’Inghilterra in carica sembrano ormai sulla strada giusta.

 

Hazard infortunato - Unica pecca l’uscita dal campo dopo un quarto d’ora di gioco di Hazard per un infortunio. Al suo posto l’ex Barça Pedro. La squadra di Alan Pardew parte meglio degli avversari, ma il Chelsea alla prima vera occasione passa in vantaggio: un gran destro di Oscar da centro area batte Hennessey. Nella ripresa, il Crystal Palace prova a reagire, ma prima un gran destro di Willian al 61’, collo pieno sotto la traversa, poi Diego Costa al 66’ fissano il risultato sul 3-0.


Tottenham stoppato - Dopo tre vittorie consecutive, il Tottenham frena la sua rincorsa verso la vetta della classifica. Al Goodison Park gli Spurs non vanno oltre l'1-1 contro un solido Everton. I padroni di casa passano in vantaggio al 22' con Lennon, ma il Tottenham recupera subito segnando il gol del pareggio appena primo del riposo, al 46', con una rete di Alli. Il gol del giovane centrocampista inglese si rivela decisivo e il Tottenham lascia Liverpool con un solo punto, mantenendo il quarto posto a quota 36.