Inizia con una partita pazzesca la 23.a giornata di Premier League: il Liverpool, ospite del Norwich, si porta in vantaggio dopo 19' con Roberto Firmino. Dieci minuti più tardi Mbokani trova il pareggio e guida la rimonta dei padroni di casa, che raddoppiano al 41' con Steven Naismith e a inizio ripresa si portano sul 3-1 con Wesley Hoolahan su rigore. Ma il doppio vantaggio dura soltanto un minuto perché al 56' Jordan Henderson accorcia.
I Reds ci credono e infatti al 63' trovano il 3-3 ancora con Firmino. Rimonta completata al 75' da James Milner per quello che sembra il definitivo 4-3 per gli ospiti. E invece il meglio deve ancora arrivare. Al 90' Sebastien Bassong fa esplodere i tifosi del Norwich con il gol del 4-4, ma è una gioia destinata a implodere perché quando i 5' di recupero stanno per scadere Adam Lallana chiude i conti sul 4-5.
Risultato pirotecnico che porta la squadra di Klopp a 34 punti. Norwich fermo a 23, con una grande delusione da smaltire.

Nei match pomeridiani spicca il successo della capolista Leicester, fresca dell'eliminazione dall'FA Cup: gli uomini di Ranieri liquidano 3-0 lo Stoke City e mantengono la vetta della classifica in attesa di Arsenal-Chelsea. A segno Drinkwater, Vardy e Ulloa.
Il Manchester United crolla in casa, sconfitto dal Southampton. Festeggiano gli Spurs, che vincono 3-1 in rimonta nella tana del Crystal Palace grazie alle reti di Kane, Dele Alli e Chadli allo scadere. 
Newcastle battuto dal Watford, ancora a segno Ighalo per i padroni di casa.
Terminano in parità WBA-Aston Villa e Sunderland-Bournemouth.

Nel posticipo serale il Manchester City pareggia 2-2 in casa del West Ham, sale a 44 punti in classifica e aggancia l'Arsenal a -3 dal Leicester capolista. I londinesi rosicchiano un punto al Manchester United e salgono a quota 36, occupando il sesto posto davanti al Liverpool. Proprio il West Ham è andato due volte in vantaggio, sempre con Valencia, al 1' del primo tempo e all' 11' della ripresa, ma in entrambi i casi è stato Aguero (12 centri stagionali) a rimettere la gara in equilibrio, pareggiando prima al 9' su rigore e quindi a quattro minuti dalla fischio finale per il definitivo 2-2.