Manovre finanziarie sospette sono emerse nelle indagini sul caso dei mondiali di calcio del 2006 in Germania. Secondo un rapporto presentato oggi dalla Federcalcio tedesca (Dfb), che ha incaricato uno studio legale sul caso, versamenti in denaro sono arrivati anche su un conto dell'allora presidente del comitato organizzatore Franz Beckenbauer. Inoltre attraverso un conto di uno studio legale sono stati versati 10 milioni di franchi svizzeri a un'impresa del Qatar.

Non ci sono invece indizi di una compravendita di voti per l'assegnazione alla Germania del mondiale di calcio 2006. Anche se non si può escludere che vi sia stata corruzione. E' quello che emerge da un rapporto presentato dalla Federcalcio tedesca (Dfb), secondo lo studio legale incaricato sul caso Freshfield.