"Siamo totalmente fiduciosi che tutte le misure di sicurezza necessarie saranno messe in campo per garantire un campionato europeo sicuro e festoso e, dunque, non è prevista la disputa di partite a porte chiuse". Lo sottolinea la Uefa in una dichiarazione all'Ansa, dopo che ieri l'ex vicepresidente della federcalcio italiana e attuale vicepresidente del calcio europeo Giancarlo Abete aveva ipotizzato gare senza pubblico. "Stiamo comunque lavorando per affrontare eventuali momenti di urgenza con molteplici scenari relativi a una situazione di crisi - aggiunge l'Uefa- allo scopo di tutelare la sicurezza di tutti i partecipanti (calciatori, tifosi etc), nel modo più attento e rigoroso".

La preoccupazione di Del Bosque - "E' una barbarie, ed è chiaro che ci preoccupa. Non solo per gli Europei, ma per qualsiasi altro momento". Vicente Del Bosque, commissario tecnico della Spagna, parla a RadioMarca degli attentati di Bruxelles. "Quando qualcuno è disposto a immolarsi e a morire per non si sa bene cosa, dobbiamo preoccuparci in qualsiasi situazione, non solo per un torneo di calcio", ha aggiunto il tecnico alla vigilia della sfida all'Italia. "Porte chiuse all'Europeo? Non credo, mi sembrerebbe davvero strano giocare senza la gente", ha concluso Del Bosque.