Sfoglia l'Album del Milan

Commenta nel forum del Milan

Ibrahimovic campione di taekwondo


"E' stato uno scontro molto vivace ma nulla di drammatico, e per entrambi tutto si è risolto. Ho parlato con Ibra e Onyewu e ho la certezza che per entrambi l'incidente è chiuso. E' successa una cosa che capita spesso in una squadra di calcio: a volte le notizie non escono ma questa volta sì, perché i ragazzi si allenavano sul campo esterno e c'erano un po' di tifosi. Comunque non è nulla di drammatico. Dopo 25 anni di Milan, so che questi episodi sono di buon auspicio, vuol dire che c'è la carica giusta. Meglio certo che allenamenti alla camomilla...". ". Così l'amministratore delegato del Milan, Adriano Galliani, ai microfoni di SkySport24 ha commentato, cercando di stemperarlo, il litigio fra Ibrahimovic e Onyewu che sono venuti alle mani durante l'allenamento del pomeriggio a Milanello.

Non è nuovo, Ibra, alle maniere forti. Si sa. Ma è stato davvero un allenamento ad alta tensione quello di oggi al Milan. Durante la seduta, infatti, Ibrahimovic e Onyewu sono addirittura venuti alle mani per colpa di un fallo dello svedese sul gigantesco americano.

I fatti nudi e crudi. Allenamento pomeridiano sul campo esterno di Milanello: durante la partitella Ibra entra sul difensore rossonero. Una scivolata, nemmeno troppo cattiva. Ma Onyewu, un metro e 95 di potenza, non la prende bene. Una volta in piedi prende per il collo l’attaccante che immediamente reagisce. Scatta la rissa, violenta dal punto fisico e verbale. I compagni provano subito a dividerli ma i due non sono proprio due mingherlini e alla fine Allegri è costretto ad interrompere l'allenamento. Per dividerli è servito l'intervento di una decina fra giocatori e membri dello staff tecnico del Milan. Allegri, come detto, ha interrotto la partitella e ha ripreso verbalmente i due giocatori. Dopo qualche minuto la seduta di allenamento è ripresa.

La reazione di Onyewu, gravissima, trova una parziale attenuante nella storia del difensore Usa. Arrivato al Milan nel 2009, è stato fermo per un anno dopo il grave infortunio rimediato in Champions contro lo Zurigo.