GENOA-MILAN 0-2
22' Pazzini, 60' Balotelli

Segui la cronaca del match


LE PAGELLE

Il terzo posto resta blindato, il Milan ha fatto il suo, toccherà alle altre rispondere. Non era facile avere la meglio su un redivivo Genoa ma la formazione di Allegri ha capitalizzato al massimo le occasioni avute. I rossoneri hanno gestito bene l'impegno nonostante la voglia di preservare energie e uomini in vista della trasferta di Barcellona. Con un Balotelli non ancora al top per i postumi dell'infortunio al perone e partito dalla panchina ci ha pensato Pazzini ad aprire il match con un destro finito all'incrocio dei pali, gol segnato dopo essersi infortunato in uno scontro con Portanova e quando era già pronta la sostituzione.
Per il Pazzo (uscito subito dopo il gol, è allarme in vista del Barcellona) terza rete in stagione contro il suo diretto marcatore (ne fece due all'andata contro il Bologna quando Portanova giocava lì).
Il Genoa ha provato a riportarsi in parità (palo di Bovo) e un paio di episodi dubbi (due falli di mano: uno di Zapata e l'altro di Niang) sui quali l'arbitro ha sorvolato hanno incattivito il match.

Nella ripresa i rossoneri di Allegri hanno sfruttato gli spazi concessi dal Genoa e con Balotelli hanno raddoppiato. Per SuperMario quinto gol in altrettante presenze. Nonostante il 2-0 il Milan è stato costretto a rimboccaresi le maniche dopo il rosso rimediato, per fallo di reazione, da Constant. La squadra di Allegri ha dovuto subire le iniziative rossoblù e ha compiuto sforzi supplementari per tenere al sicuro il risultato. Alla fine il 2-0 sembra punire eccessivamente gli uomini di Ballardini. Per il Milan tre punti che consolidano il terzo posto anche alla luce dello scontro diretto tra Lazio e Fiorentina che, in caso di pareggio, potrebbe ulteriormente favorire i rossoneri, ma soprattutto un'iniezione di fiducia verso la sfida del Camp Nou.