"I veri uomini si rialzano sempre dopo essere caduti. Noi ci siamo comportati da veri uomini: siamo partiti non benissimo e Donnarumma ci ha salvato all'inizio, ma abbiamo preso le misure col passare dei minuti e nel secondo tempo abbiamo dominato. Penso che avremmo dovuto meritare di più, ma nelle ultime due partite dovevamo fare 6 punti e ne abbiamo fatto solo uno: il problema che non concretizziamo è reale". Il tecnico del Milan Sinisa Mihajlovic ha l'amaro in bocca non per la prestazione ma per il risultato dei suoi, padroni del campo nella ripresa, all'Olimpico contro la Roma.

 

"Stasera devo ringraziare i ragazzi”, aggiunge l’allenatore del Milan. “La squadra ha fatto una gran partita su un campo difficile, questo gruppo merita fiducia. E' una squadra che gioca, che crea, che è unita: non dobbiamo perdere fiducia, ma dobbiamo continuare a lavorare anche se non è un momento facile. Oggi hanno dimostrato che quando c'è bisogno sono una squadra vera. Io sono abituato alle critiche, non mi stupisco più. L'espulsione? Ormai un allenatore in panchina non può fare più nulla: ero deluso per il gol sbagliato, cosa devo fare? Recitare una poesia? Penso che la regola debba essere rivista. Non diamo un bel esempio, ma forse gli arbitri devono anche sforzarsi di capire le tensioni di noi allenatori".