Sinisa Mihajlovic non si lascia scuotere dai rumors di mercato, a garantirlo è lui stesso alla vigilia dell'impegno di Tim Cup contro il Carpi. "Può anche non far piacere prima di una partita del genere, ma la società ha detto che non era vero e tutto è finito là", spiega commentando le voci di un incontro tra Berlusconi e Lippi, "Sono troppo intelligente per cadere nelle trappole, sono sempre stato e sono sereno". "Da tre mesi vado così", aggiunge l'allenatore del Milan a chi gli fa notare che il quarto di finale di Coppa Italia sarà decisivo per il suo futuro, "Non mi fa nè caldo nè freddo. A Roma abbiamo preso gol dopo 3', se non fosse stata squadra compatta avrebbe mollato, invece è rimasta in partita. Non siamo una squadra fortunata, ma ai ragazzi ho detto che non possiamo pensare solo a quello. Se creiamo tanto e segniamo poco è anche colpa nostra e dobbiamo migliorare".

 

Lippi: "Il campo mi manca" - Nel frattempo arrivano anche le parole di Marcello Lippi: "Cosa farà in futuro? In Cina avevo detto che non avrei mai più allenato, ma dopo tanti mesi a casa mi sono accorto che il campo manca, che la voglia c'è ancora e se dovesse arrivare la proposta da una squadra che mi piace sarei pronto a tornare in panchina" ha ammesso l'ex allenatore della Juventus e della Nazionale.