Una rivincita attesa tutta un girone, dopo il 4-0 di Cagliari, il Crotone si vendica, vince e sorpassa in classfica i sardi al termine di una partita giocata alla perfezione, vero condizionata dall'espulsione di Balzano quando si era sul 2-1 in favore dei calabresi ma il match viveva di un equilibrio assoluto. Eppure la squadra di Juric ha fatto valere tutta la sua freschezza e il pubblico dello Scida ha aiutato spingendo il Crotone a un successo preziosissimo verso il sogno della serie A. Marcature aperte dopo soli 2' da Budimir e parità dopo 21' grazie al gol di Farias. Match deciso nella ripresa: Martella in apertura e poi Ricci al 74'. Risultato che poteva essere più rotondo se solo Salzano non avesse fallito un rigore concesso per fallo di mano di Krajnc (espulso) e parato da Storari.

Grazie a questo successo il Crotone allunga a 11 la striscia di risultati positivi (8 vittorie e tre pareggi) e conferma come gennaio sia il mese nero di Massimo Rastelli che in carriera, nel primo mese dell'anno ha perso 9 volte su 18 partite disputate nei tornei professionistici. Fatto sta che il Crotone ora guarda dall'alto tutti e il Cagliari è costretto ad inseguire e a guardarsi le spalle nonostante il vantaggio di sei punti sul Pescara terzo in classifica.

Nell'altro "monday night" di serie B bella vittoria dell'Entella che sconfigge con un netto 4-0 l'Ascoli e riaggancia il treno playoff. In gol Masucci, Caputo (doppietta) e Iacoponi. Per il Picchio la posizione di classifica si complica.