Meglio di Barcellona e Psg, meno impeccabile solo del Bayern Monaco. Non stiamo parlando di una big europea, ma d’altronde lo dicono i numeri: il fattore casalingo del Cagliari, a livello continentale, conosce poche eguali. Su 13 gare al Sant’Elia la squadra di Rastelli ha conquistato 37 punti, un patrimonio nella corsa alla promozione. Paradossalmente solo il Como, ultimo della classe, ha strappato un punto in Sardegna. Un primato dettato dal collettivo e da numeri impressionanti: 47 reti all’attivo e una cooperativa del gol con 15 giocatori andati a segno, capitanati da Farias a quota 10. Cifre a rilento nel girone di ritorno, ma è difficile pensare come i rossoblù possano smarrirsi nella scalata verso la Serie A. Obiettivo comune anche alle rivali Crotone e Pescara, chiamate in primis ad esorcizzare i playoff post regular season. Velleità che andranno ribadite nella prossima tappa, la 26.a giornata della Serie B.

Tris al vertice - Si riparte allo stadio Adriatico, teatro di un Pescara in serie utile da 8 partite ma frenato nelle vittorie dal 2-2 di Salerno: Oddo perde gli squalificati Verre, Caprari e Mandragora, assenze pesanti nella sfida al Vicenza in crisi di risultati. Nonostante l’esplosione di Raicevic atteso da Lapadula, i veneti rimpiangono il burrascoso addio di Cocco trasferitosi in Abruzzo in estate. Detto del trend interno del Cagliari, la capolista paga dazio lontano dal Sant’Elia dove è caduta a Pescara, Novara, Brescia e Crotone, tutte pretendenti alla promozione. Meno ambizioso ma indubbiamente brillante il bilancio del Latina, imbattuto nel 2016 con 10 punti all’attivo, gruppo che attende i sardi al Francioni. Se i rossoblù vantano il maggior numero di giocatori in gol (15), il croato Budimir risulta l’uomo più decisivo della Serie B in virtù dei 19 punti regalati alla causa del Crotone. La squadra di Juric torna allo Scida violato dal Perugia e attende la Pro Vercelli, risorta contro il Brescia dopo 5 stop di fila. Di Roberto, approdato in Calabria al gong di mercato, affronta subito il suo passato.


Incroci playoff - Eccezion fatta per il blitz del Crotone, al Piola ricordano lo smacco del Como nel match d’andata. La rivalsa alimenta quindi la trasferta del Novara al Sinigaglia, impianto dei lombardi dalla striscia positiva lunga 6 turni: ultimi in classifica, certo, ma tutt’altro che rassegnati all’addio alla categoria. Sarà invece scontro diretto al Partenio tra Avellino e Bari, entrambe al tappeto nelle ultime due uscite, chiamate a riaccendere i motori nella corsa playoff: i potenziali offensivi promettono spettacolo a partire dal duello Mokulu-Maniero, 8 gol a testa in stagione. Reti smarrite nel derby della via Emilia dal Cesena, 5° in classifica dopo il punto restituito dalla Figc, atteso al Manuzzi dal Perugia affacciato alla finestra playoff: a confronto due delle migliori difese del torneo, entrambe punite in 21 occasioni e seconde solo al Novara. Sfida speciale per Bisoli, protagoniste di 3 storiche promozioni alla guida dei romagnoli. Come gli umbri anche Entella e Trapani intravedono la bagarre spareggi, traguardo che passa dall’incrocio a Chiavari: Virtus sorpresa in casa solo dalle coppia di testa, siciliani di Cosmi in cerca di continuità.


Coda e posticipi - Due gli incontri nella seconda metà della classifica a partire da Ternana-Salernitana, occasione utile per i campani nel centrare il primo successo esterno in campionato. Non sarà facile al Liberati dove gli uomini dell’indimenticato Breda non cadono da 3 mesi. L’ex più recente della sfida è Troianiello al pari di Crecco in Lanciano-Modena, match che vale il bis per Maragliulo dopo l’exploit al debutto in panchina. In palio punti pesanti anche per Crespo, pena il sorpasso abruzzese in caso di sconfitta al Biondi. Domenica fari al Picco per Spezia-Livorno, squadre divise da un’accesa rivalità ma accomunate da ambizioni playoff: Di Carlo è imbattuto nel 2016 mentre Panucci ha ottenuto 2 vittorie dal suo ritorno in Toscana. Sfilata di vecchie conoscenze da Piccolo a Pulzetti e da Borghese a Valentini fino al tecnico ligure. Si chiude lunedì al Rigamonti, banco di prova delicato per il Brescia uscito sconfitto nelle ultime 3 gare. Non se la passa meglio l’Ascoli ancorato al quintultimo posto e senza gol da 207’, ma il braccio di ferro coinvolge due difese migliori solo del Como in Serie B.
Il Lega B Challenge di #SkySporTech con Valentina Mariani fa tappa in casa F.C. Crotone Pagina Ufficiale: Festa e De...Pubblicato da Sky Sport su Giovedì 11 febbraio 2016