Silvio Berlusconi è arrivato in elicottero a Milanello in occasione del trentennale della sua presidenza al Milan. Berlusconi è stato accolto sulla pista d'atterraggio dall'ad Adriano Galliani e dalla figlia e ad Barbara. Il presidente è poi salito sul pulmino per arrivare all'ingresso del centro sportivo rossonero, ad aspettarlo Sinisa Mihajlovic che lo ha salutato con una stretta di mano. Quella di oggi è una giornata di anniversari e ricorrenze per il Milan: oltre al trentennale della presidenza si festeggia il compleanno di Sinisa Mihajlovic, nato il 20 febbraio 1969.


Una torta per i trent'anni di presidenza - Per festeggiare la ricorrenza è stata preparata una torta con la scritta "30 anni chi crede, vince" e la firma del patron rossonero. Un gesto apprezzato da Berlusconi che, dopo aver fatto gli auguri al tecnico Sinisa Mihajlovic per il suo compleanno, ha posato per qualche fotografia con la torta insieme agli amministratori delegati Barbara Berlusconi e Adriano Galliani.

Stoccatina a Mihajlovic - "Cosa deve fare Mihajlovic per convincermi? Deve vincere tutte le partite, così mi trova facilmente convinto" ha detto Berlusconi ai giornalisti presenti a Milanello in occasione dei 30 anni della sua presidenza. "Ai giocatori ho detto che devono crederci. Abbiamo una rosa ricca di talenti. come Menez e Balotelli che, se si tagliasse il ciuffo?, ha attitudini atletiche inarrivabili. In allenamento lo vedo fare tiri che sfondano la rete, ha un controllo di palla eccezionale. In campo ha una posizione non corretta. Più volte gli ho detto: Mario, vuoi vincere? Per vincere serve segnare e per farlo bisogna essere vicino alla porta".

La trattativa societaria - "Bee Taechaubol ha già avuto tre scadenze, prima luglio poi settembre e ora a inizio dell'anno. A noi piace molto, ha fatto una proposta concreta con cui potremmo incassare 100 milioni all'anno solo in Cina". Silvio Berlusconi, in occasione del trentennale della sua presidenza, afferma che la trattativa con il broker tailandese non è ancora finita. "Speriamo di poter concludere – aggiunge Berlusconi - abbiamo rifiutato altre offerte soltanto tese a speranze di popolarità. La sfortuna è stata il collasso delle borse in Cina, perché alcuni sponsor si sono ritratti. Bee sta ancora cercando altri investitori. Abbiamo bisogno di aumentare i capitali per rendere competitivo nuovamente il Milan".