La cronaca dei match e le pagelle


La Roma non si ferma più e tiene a distanza la Fiorentina che si fa fermare dal Verona nel finale. De Guzman regala i tre punti al Carpi. Cerci guida la rimonta del Genoa sul Torino. E’ questo il succo della domenica pomeriggio della 29esima giornata di Serie A.


La Roma fa 8 di fila - A Udine la Roma riabbraccia Dzeko, ma soprattutto trova l’ottava vittoria consecutiva in campionato. Spalletti non poteva chiedere reazione migliore ai suoi dopo la sfuriata del post Real Madrid. I giallorossi passano 2-1 alla Dacia Arena grazie al settimo centro stagionale in campionato del bosniaco ed all’ennesima prodezza di Alessandro Florenzi. All’Udinese non basta il gol dell’illusorio 2-1 di Bruno Fernandes. Una sconfitta che inguaia i bianconeri, fa traballare e non poco la panchina di Colantuono, ma permette ai giallorossi di salire a quota 59 in classifica, mettere pressione al Napoli e tenere a distanza la Fiorentina. Continua infatti il periodo no dei viola che per la prima volta in questo campionato restano a secco di vittorie per tre giornate. Il secondo gol  di Zarate, al rientro dalla squalifica, non basta infatti alla Fiorentina per tornare al successo. Pisano rovina la festa viola regalando l'1-1 al Verona. Un pareggio che permette sì alla squadra di Paulo Sousa di portarsi a +7 sul Milan e raggiungere nuovamente l’Inter, ma non ad accorciare sulla Roma, anzi: i giallorossi ora sono staccati di 5 punti.

Lotta salvezza sempre molto aperta - Finisce 2-1 il primo spareggio salvezza di questo campionato. Il primo gol in Serie A di Bianco ed il primo con la maglia del Carpi di De Guzman permettono agli emiliani di battere il Frosinone, a cui non è bastato l'ottavo centro in campionato di Dionisi per evitare il ko. Per il Carpi che sale a quota 25, a -1 dal Frosinone, è il quarto risultato utile consecutivo. La lotta salvezza è sempre più viva. Gol e spettacolo a Marassi tra Genoa e Torino. A segno i due grandi ex della sfida. Funziona l’asse granata Belotti-Immobile, protagonisti in 15 degli ultimi 16 gol del Toro. Ma l’iniziale doppietta di Immobile, non basta alla squadra di Ventura. A trascinare la rimonta del Genoa è infatti l’ex gemello d’oro di Immobile: Alessio Cerci, che con una doppietta su rigore permette al Genoa di pareggiare. A firmare il gol della vittoria e del sorpasso in classifica rossoblu è Rigoni: al terzo centro nelle ultime tre sfide al Toro. A Marassi finisce 3-2 per il Genoa che sale a quota 34 in classifica. Per i granata ora c’è l’attesissimo derby con la Juve.