Sarà la sua ultima Milano-Sanremo ma per Fabian Cancellara "sarà una corsa come le altre". "Il mio istinto mi ha portato tante vittorie e tante gioie, lo ascolterò anche domani e vedrò se attaccare prima o aspettare lo sprint", ha spiegato il ciclista svizzero, alla sua ultima stagione da professionista, festeggiato con una torta nel giorno del suo trentacinquesimo compleanno durante la conferenza stampa a Milano, a Palazzo Marino, alla vigilia della 'classica di primavera'.


"Nibali ha proposto un'alleanza per tenere Kristoff e gli altri velocisti dietro? Ognuno ha le sue idee - ha risposto Cancellara, seduto al fianco del sindaco, Giuliano Pisapia -. Loro hanno meno carte da giocare, devono fare qualcosa sul Cipressa per staccare i velocisti. Ho già vinto questa corsa, posso stare tranquillo e giocarmela".

Fra i protagonisti più attesi ci sono anche lo slovacco campione del Mondo Peter Sagan, che ha limitato le dichiarazioni al minimo sindacale ("Questa corsa mi piace, sono arrivato vicino a vincerla tre volte, vediamo in gara come sto e come vanno gli altri") e il norvegese Alexander Kristoff, che ha conquistato l'edizione 2014. "Per prima cosa - ha chiarito - devo cercare di non farmi staccare nelle salite: mentre altri proveranno a rendere la corsa dura, mi affiderò al team".