Due giorni di test per togliersi un po' la ruggine di dosso dopo tre mesi di inattività, ma soprattutto per dar prova del proprio valore in vista della stagione 2016 che scatterà il 20 marzo prossimo a Losail. Lo Sky Racing Team VR46 inizia con il piglio giusto l'anno nuovo portando a termine, con successo, una produttiva due-giorni di Test al Circuit de la Comunitat Valenciana Ricardo Tormo: Romano Fenati è stato tra i più veloci (anzi, il più veloce nella conclusiva giornata di prove) piloti in pista, su livelli analoghi si attesta anche Nicolò Bulega, apprezzabili passi-avanti nei due giorni da parte di Andrea Migno. Una prima stagionale positiva, in attesa di ribadire il potenziale di tutta la squadra nei prossimi test in agenda a Jerez de la Frontera il 23-24 febbraio.

 

Romano Fenati in evidenza - Concluso il 2015 con il 4° posto in campionato (suo miglior risultato in carriera), l'ascolano ha subito confermato il suo livello di competitività alla prima uscita dell'anno nuovo. Con la KTM RC 250 GP in configurazione 2016 Romano Fenati in 1'39"4 ha migliorato i tempi siglati nel primo giorno di prove, ritrovandosi ad ex-aequo con Jorge Navarro (Honda Monlau) al comando della graduatoria ufficiosa dei tempi del Day 2. "Il primo approccio di ieri non è stato male", ha ammesso Romano, "anche se abbiamo potuto sfruttare soltanto metà turno a causa della pioggia del pomeriggio. Il bel lavoro lo abbiamo fatto oggi: ho girato molto forte, abbiamo fatto una simulazione di gara e siamo contenti per il risultato. Ci siamo concentrati sulla ciclistica e abbiamo migliorato il tempo di mezzo secondo rispetto alla giornata di ieri. Mi sento carico e sono contento di come sta andando il lavoro. In tre al box è bello, le sensazioni sono buone".

 

 

Convince Nicolò Bulega - Veloce sin dalla giornata di ieri, il nuovo talento dello Sky Racing Team VR46 si è riconfermato su alti livelli di competitività anche nella conclusiva giornata di Test a Valencia. Con un best lap personale di 1'39"6 e nonostante una scivolata senza conseguenze, Nicolò Bulega ha infatti concluso 3° assoluto nella classifica ufficiosa dei tempi: proprio niente male per un rookie! "E’ andata bene, sono andato forte, ma non ci voleva la scivolata all’ultimo giro", ammette l'originario di San Clemente. "La moto mi piace, è molto simile a come l’avevo lasciata l’anno scorso e con il team mi trovo bene. Abbiamo cercato il migliore set-up della moto e sento già un buon feeling. Oggi ho tolto un secondo e 2, però già ieri molto bene".  

 

 

Progressi nei due giorni per Andrea Migno - Superate difficoltà iniziali, nel secondo giorno di attività a Cheste Andrea Migno è riuscito a migliorarsi staccando un crono di 1'40"8, nei 73 giri compiuti concentrandosi prevalentemente alla definizione della miglior messa a punto in configurazione-gara. "La prima giornata è partita un po’ a rilento, sicuramente ieri non ero soddisfatto per il tempo sul giro finale", spiega il pilota di Saludecio, alla sua seconda stagione con lo Sky Racing Team. "Sono invece molto contento del lavoro svolto con i meccanici, che mi hanno permesso di migliorare sotto il profilo dell’approccio alla gara. Ci ho messo un po’ a trovare il feeling giusto, ma alla fine i risultati sono arrivati. Si sente proprio una bella atmosfera in squadra, stiamo bene insieme".

 

Pablo Nieto soddisfatto - "Per essere il primo test dell’anno, possiamo ritenerci soddisfatti". Non potrebbe essere altrimenti per Pablo Nieto, da Team Manager dello Sky Racing Team VR46 felice del "del lavoro di squadra che ho visto in questi due giorni. Ancora c’è molto da fare e siamo solo all’inizio, ma credo che la direzione sia quella giusta. Il team è già affiatato e questa è una base importante per iniziare al meglio la nuova stagione". L'ex pilota madrileno si è poi concentrato su un bilancio pilota per pilota. "L’approccio di Romano mi ha convinto, sta dimostrando una maturità diversa, ma sappiamo che sarà importante continuare a lavorare bene per raggiungere i nostri obiettivi. Migno ieri era un po’ più in difficoltà, mentre oggi è andato meglio. Con lui, ai prossimi test privati a Jerez passeremo a un sistema di lavoro diverso, per partire bene già dal primo giorno in pista. Siamo tutti molto soddisfatti di Bulega, è andato molto forte, ma dobbiamo mantenere i piedi per terra. Questa è una pista che conosce molto bene, ma la sfida sarà lavorare soprattutto in funzione delle piste che conosce meno", ha concluso Nieto rimandando l'appuntamento tra 10 giorni a Jerez de la Frontera.