1. Altro

(none)
Siamo nel 1691 quando il francese Ozaman crea un curioso veicolo, il primo antenato della bicicletta: è formato da due ruote, una decisamente più grande dell'altra, e una sella. Il moto si ottiene spingendo da terra con i piedi e così nasce il nome velocipede. L'evoluzione meccanica passa attraverso la ''draisina'', in cui le ruote hanno la stessa grandezza, e giunge sino al 1855, con l'aggiunta dei pedali. Venendo alla storia dello sport vero e proprio, in Italia la prima corsa in linea è la Firenze-Pistoia del 1870 e già nel 1876 nasce la prima classica del nostro paese, la Milano-Torino. Di qui in avanti il ciclismo guadagna grande rilevanza grazie alle imprese di campioni come Fausto Coppi (1919-1960) e Gino Bartali (1914-2000). Emblematico l'episodio in cui la vittoria dello stesso Bartali al Tour de France 1948 contribusce ad allentare il clima di tensione scaturito dall'attentato al leader del PCI Palmiro Togliatti. Oggi gli eventi ciclistici internazionali più importanti sono le tre grandi corse a tappe (Giro d'Italia, Tour de France e Vuelta a Espana), le classiche in linea (come la Milano-Sanremo, il Giro delle Fiandre, la Parigi-Roubaix) e il Campionato del Mondo. Saranno ovviamente quattro le medaglie d'oro assegnate a Baku 2015 per quanto riguarda il ciclismo su strada: prova in linea maschile e femminile, cronometro maschile e femminile. Il programma prevede la cronometro femminile il 18 giugno, lo stesso giorno vedremo anche quella maschile mentre la gara in linea femminile è prevista per il 20 e il giorno seguente si chiude con la gara in linea degli uomini.
 

Tutti i marchi Sky e i diritti di proprietà intellettuale in essi contenuti, sono di proprietà di Sky international AG e sono
utilizzati su licenza. Copyright ©2017 Sky Italia - P.IVA 04619241005 - Segnalazione abusi