1. Altro

Ginnastica artistica alle Olimpiadi

LA STORIA
In passato con ginnastica si intendeva l'insieme complessivo dei vari sport che venivano praticati nell'antichità, come la lotta, il nuoto o l'atletica leggera. La concezione di ginnastica artistica come la intendiamo oggi nasce all'inizio del XIX secolo: in Germania un professore di nome Jahn inventò la Turnplatz, la ''piazza della ginnastica'', dove formare con l'esercizio fisico i soldati del futuro, mentre il professore svedese Ling sviluppò il metodo ginnico come strumento per donare salute al proprio corpo. Dalla fusione dei due metodi e l'utilizzo degli attrezzi nacque la ginnastica artistica. La Federazione Internazionale venne fondata nel 1881 ed è una delle più antiche federazioni sportive esistenti, così come la Federazione Ginnastica d'Italia, nata nel 1869, è la più vecchia del nostro paese. Le specialità della ginnastica artistica differiscono tra maschi e femmine a seconda dei diversi attrezzi. Le quattro specialità femminili sono il corpo libero (con musica), il volteggio, le parallele asimmetriche e la trave di equilibrio; le specialità maschili sono invece sei e sono il corpo libero (senza musica), il volteggio (però ad 1,35 metri di altezza a differenza dell'1,25 femminile), le parallele simmetriche, gli anelli, la sbarra e il cavallo con maniglie. La ginnastica artistica fa parte del programma olimpico fin dalla prima edizione, quella di Atene 1896, e ovviamente da lì in poi non è mai mancata ai Giochi. La competizione femminile però è stata inserita solo da Amsterdam 1928. Oggi vengono assegnate 14 medaglie d'oro per edizione, otto maschili e sei femminili (ogni attrezzo presenta una gara a sé, a cui si aggiungono all-around di squadra e all-around individuale). Nel medagliere assoluto l'Italia è presente con un eccellente ottavo posto (14 ori, 5 argenti e 9 bronzi), mentre al primo posto c'è la scomparsa Unione Sovietica con 72 ori e 182 medaglie. Tra le nazioni ancora esistenti, comandano gli Stati Uniti con 33 ori e 101 medaglie in totale davanti a Giappone, Cina e Romania.
FORMULA E QUALIFICAZIONI
Le gare di ginnastica artistica di Londra si disputeranno dal 6 al 16 agosto alla HSBC Arena, ribattezzata Arena Olimpica do Rio per l'occasione. Le qualificazioni alle Olimpiadi avvenivano mediante i piazzamenti ai Mondiali di ginnastica tenutisi nello scorso ottobre a Glasgow e tramite il Test Event di qualificazione olimpica che si è svolto a Rio ad aprile. Le squadre arrivate nei primi otto posti ai mondiali e le ulteriori prime quattro del Test Event sono iscritte automaticamente alla gara olimpica a squadre, e potranno così schierare anche nelle gare individuali tutti i cinque atleti convocati. Tutte le altre nazioni possono schierare uno o due ginnasti a seconda del numero di qualificazioni ottenute al Test Event, mentre alcune wild card sono riservate per inviti a discrezione della Federazione Internazionale. A Rio vedremo un totale di 196 atleti, equamente divisi tra uomini e donne.
L'EDIZIONE DI LONDRA 2012
Quattro anni fa Cina e Stati Uniti diedero vita a un entusiasmante duello per la conquista del medagliere. Gli asiatici, dominatori nel maschile, portarono a casa 4 ori mentre gli americani conquistarono tre ori su sei nel femminile. Entrambe le superpotenze si fregiarono del titolo a squadre. A livello individuale il cinese Zou Kai riuscì a conquistare quarto e quinto oro olimpico, al corpo libero e di squadra, mentre l'olandese Zonderland stupì il mondo con il suo memorabile esercizio alla sbarra che valse la prima medaglia d'oro dei Paesi Bassi nella disciplina. Sempre in campo maschile, da ricordare anche la gara degli anelli con il brasiliano Zanetti oro a sorpresa e primo vincitore di medaglia sudamericano di sempre nella ginnastica. Nella stessa gara arrivò il bronzo per il nostro Matteo Morandi. In campo femminile la russa Aliya Mustafina, allora 17enne, si distinse portando a casa un oro, un argento e due bronzi.
 

Tutti i marchi Sky e i diritti di proprietà intellettuale in essi contenuti, sono di proprietà di Sky international AG e sono
utilizzati su licenza. Copyright ©2017 Sky Italia - P.IVA 04619241005 - Segnalazione abusi