1. Altro

Tennis alle Olimpiadi

LA STORIA
Non basterebbero giorni a raccontare la storia, fatta di aneddoti, epiche vittorie e tragiche sconfitte, di uno sport come il tennis. Il termine, intanto, deriva dal francese ''tenez'', ovvero ''prendete'', per annunciare all'avversario che la pallina stava entrando in gioco. Una forma antica di tennis era la pallacorda, molto apprezzata nelle corti reali del Medioevo. Nel 1552 Carlo IX di Francia si fa ritrarre con in mano una racchetta, mentre si narra che nel 1536 a Londra, quando Anna Bolena viene arrestata per poi essere giustiziata, stesse assistendo a una partita dell'antenato dell'attuale tennis. Nel 1873 l'inglese Walter Clopton Wingfield stabilisce un primo regolamento della disciplina e già nel 1895 si disputa il primo campionato italiano, mentre nel 1900 viene contesa la prima Coppa Davis. Il più grande risultato per un tennista è quello di centrare il Grande Slam, ovvero vincere nello stesso anno i quattro tornei più importanti: Australian Open, Roland Garros, Wimbledon e US Open. A riuscire nell'impresa sono stati Don Budge (1938), Maureen Connolly (1953), Rod Laver (1962 e 1969), Margaret Smith Court (1970) e Steffi Graf (1988). In quell'anno la tedesca riesce a imporsi anche nei Giochi Olimpici di Seul. Il tennis ha fatto parte delle Olimpiadi sin dalla prima edizione dell'Era Moderna, nel 1896. Dopo Parigi 1924 viene però tolto, per tornare a essere sport olimpico solo dal 1988. A partire dall'Olimpiade di Pechino il tennis entra a far parte del Calendario ATP e WTA, stimolando ulteriormente quindi i migliori giocatori e giocatrici a presentarsi all'appuntamento. Il medagliere generale del tennis ai Giochi è guidato dagli Stati Uniti con 20 ori, anche se il numero maggiore di medaglie spetta al Regno Unito con 42. A livello individuale, guidano le due sorelle Williams, le uniche capaci di conquistare quattro ori: insieme hanno vinto tre volte in doppio (2000, 2008 e 2012), mentre in singolare Venus si è imposta nel 2000 e Serena nel 2012.
FORMULA E QUALIFICAZIONI
Non si giocherà, come nel 2012, su un luogo sacro come l'erba di Wimbledon, ma all'Olympic Tennis Centre di Rio de Janeiro sul duro. Saranno cinque gli eventi di tennis che assegneranno medaglie a Londra 2012, con 64 partecipanti per i due tornei di singolare maschile e femminile, 32 coppie per i due tornei di doppio maschile e femminile e 16 coppie per il misto. Si procederà ovviamente con sfide ad eliminazione diretta fino alla finale. Per i singolari, i primi 56 atleti del ranking mondiale al 6 giugno 2016 avranno la possibilità di accedere al tabellone (fermo restando il limite di quattro a nazione), mentre i posti rimanenti vengono assegnati dalla ITF. In doppio, i primi 10 del mondo possono scegliere direttamente il proprio compagno, le successive 14 coppie sono selezionate in base a una classifica combinata dei due giocatori, i restanti 8 posti vengono assegnati dalla ITF. Nel misto, 12 coppie si qualificano direttamente grazie alla classifica combinata e 4 vengono selezionate dalla ITF.
L'EDIZIONE DI LONDRA 2012
L'Olimpiade di Londra, per quanto riguarda il tennis, si è giocata nella miglior cornice possibile, l'erba di Wimbledon. Il titolo più prestigioso, quello del singolare maschile, è andato a Andy Murray: lo scozzese fece così le prove generali per il 2013, quando riportò il torneo dei Championships in Gran Bretagna dopo la vittoria di Fred Perry nel 1936. Nel doppio vittoria per la coppia dominatrice dell'epoca moderna, quella dei gemelli statunitensi Bob e Mike Bryan. Tra le donne, l'americana Serena Williams ha conquistato l'oro nel singolare, concedendo il bis nel doppio insieme alla sorella Venus. Il doppio misto, infine, aveva regalato uno storico oro alla Bielorussia, grazie alla coppia formata da Max Mirnyi e Victoria Azarenka.
 

Tutti i marchi Sky e i diritti di proprietà intellettuale in essi contenuti, sono di proprietà di Sky international AG e sono
utilizzati su licenza. Copyright ©2017 Sky Italia - P.IVA 04619241005 - Segnalazione abusi