Caricamento in corso...
19 gennaio 2010

Australian Open, poker rosa e flop maschile per l'Italia

print-icon
sch

La Schiavone ha battuto in rimonta in tre set (0-6, 7-5, 6-0 in 2 ore e 2 minuti) la francese Alize Cornet (foto Ap)

Esordio positivo e primo turno superati per Errani, Vinci, Brianti e Schiavone nella seconda giornata di incontri nel tabellone femminile. Male invece gli uomini: 5 partite e 5 sconfitte. Tra i big vittoria sofferta di Federer, Soderling e Robredo ko

COMMENTA NEL FORUM DEL TENNIS

Tutte promosse le donne, tutti bocciati gli uomini. Il primo turno dell'Australian Open rappresenta fedelmente le attuali condizioni del tennis italiano. Il  contingente azzurro chiude la seconda giornata con 4 vittorie, tutte  nel singolare femminile, ed è costretto ad archiviare 5 sconfitte che azzerano la presenza nel torneo maschile. Le note liete, come ormai è consuetudine, arrivano dal lato rosa del tabellone. Avanza Francesca Schiavone, testa di serie numero 17, che ha rimediato alla falsa partenza contro la francese Alize Cornet: la leonessa milanese ha fatto da spettatrice in avvio, poi si è messa in moto e ha fatto calare il sipario sulla giornata con il successo 0-6, 7-5, 6-0.

A regalare la prima nota lieta è stata Sara Errani, la prima azzurra a scendere in campo. La ravennate ha piegato la resistenza della ceca Klara Zakopalova per 6-2 7-6 (7-5), in 1h29'. Cinque minuti in più sono serviti a Roberta Vinci per domare la tedesca Anna Lena Groenefeld per 7-5, 6-4. Alberta Brianti ha eliminato per 6-0, 3-6, 6-1 la statunitense Varvara Lepchenko ed ora sfiderà la tedesca Sabine Lisicki, testa di serie numero 21. In attesa dell'esordio di Tathiana Garbin, chiamata domani ad affrontare la russa Elena Vesnina, i numeri promuovono le azzurre: già 5, compresa Flavia Pennetta, hanno un posto al secondo round.

Completamente vuoto, invece, il bicchiere della  pattuglia maschile: 5 incontri, 5 sconfitte. Il primo ostacolo è stato fatale per tutti. Andreas Seppi ha lottato contro lo statunitense John Isner ma si è arreso dopo 3h17' di battaglia con il punteggio di 6-3, 6-3, 3-6, 5-7, 6-4 in 3h17'. "E' stata una partita  che si è giocata su pochi punti -commenta Seppi- sono stato lì a  crederci fino alla fine: ho avuto qualche chance ma non ho saputo sfruttarla". "All'inizio del quinto set - aggiunge ripensando alle fasi decisive- ho ceduto il servizio con tre errori: al settimo gioco, su una delle due palle break, ho sbagliato un passante non difficile. Il problema è che lui serve molto bene non solo la prima, ma anche la seconda. Forse a tennis ho giocato meglio io, però non sono riuscito a spuntarla".

Per due set, Simone Bolelli ha giocato alla pari con il francese Marc Gicquel, abile ad aggiudicarsi entrambi i tie-break prima di chiudere in 2h36' per 7-6 (7-2), 7-6 (7-2), 6-3 in 2h36'. "Questo inverno ho lavorato molto bene -dice Bolelli guardando con fiducia  alla stagione-. Mi manca solo un po' di fiducia: adesso si tratta di  vincere qualche match". Era difficile aspettarsi prodigi da Paolo Lorenzi. Opposto al cipriota Marcos Baghdatis, che a Melbourne ha giocato la finale nel 2006, all'esordio in un torneo dello Slam il  28enne ha raccolto 10 game in 2 ore di gioco: 6-2, 6-4, 6-4 e  avventura finita sul campo della Margareth Court Arena.

"Ho fatto una dura gavetta -dice Lorenzi-. Non avevo mai giocato davanti a tanta gente, qui per me è tutto nuovo e mi diverte. Certo che il tifo dei ciprioti era davvero incredibile". Fabio Fognini ha raccolto ancor meno contro Taylor Dent. Lo  statunitense ha dominato dall'inizio alla fine come dimostra il punteggio: 6-1, 6-3, 6-3. Il sipario è calato con il k.o. incassato  da Potito Starace. Il campano ha sprecato un break di vantaggio nel secondo e nel terzo set, lasciando strada ad un avversario sulla carta abbordabile: il francese Stephane Robert, che a quasi 30 anni ha messo piede per la prima volta a Melbourne Park, si è garantito il biglietto per il secondo turno con la vittoria per 6-3, 7-6 (7-2), 7-6 (7-4).

Tra i big del tabellone, esordio vincente quanto faticato di Roger Federer: ha rischiato di uscire subito il n.1 del mondo contro il russo Igor Andreev: ha perso il primo set ed è stato sul punto di soccombere nel terzo quando Andreev ha avuto tre set point in vantaggio per 6-5. Alla fine lo svizzero è venuto fuori ed ha archiviato la pratica per 4-6 6-4 7-6(2) 6-0. Fatica anche Fernando Verdasco, semifinalista 12 mesi fa: lo spagnolo ha sconfitto per 6-7(4) 7-6(1) 7-5 6-2 l'australiano Carsten Ball. Fuori a sorpresa, invece, Tommy Robredo sconfitto dal colombiano Santiago Giraldo. Ancora più inattesa l'eliminazione di Robin Soderling: lo svedese ha ceduto per 5-7 2-6 6-4 6-4 6-2 allo spagnolo Marcel Granollers.

Vittorie senza problemi per il russo Nikolay Davydenko, sesta testa di serie (6-1 6-0 6-3 al tedesco Dieter Kindlman), per il francese Jo-Wilfried Tsonga, finalista nel 2008, che ha battuto l'ucraino Sergiy Stakhovsky, e per l'idolo di casa Lleyton Hewitt che ha eliminato il brasiliano Ricardo Hocevar. Debutto vincente anche per Novak Djokovic: il serbo ha battuto lo spagnolo Daniel Gimeno Traver. Esordio vincente anche per Serena Williams: la campionessa in carica, ha concesso appena tre giochi (6-2 6-1) a Urszula Radwanska. Bene Venus Williams, che ha superato la ceca Lucie Safarova. Esordio facile anche per la serba Jelena Jankovic che ha sconfittola rumena Monica Niculescu, e per la francese Marion Bartoli.

Tutti i siti Sky