Caricamento in corso...
23 gennaio 2010

Australian Open, impresa della Schiavone. Ora c'è Venus

print-icon
fra

La gioia della Schiavone dopo la vittoria sulla polacca Agnieszka Radwanska

La leonessa ruggisce ancora: in un'ora e diciannove minuti si è qualificata agli ottavi di finale battendo con un doppio 6-2 la polacca Agnieszka Radwanska. Adesso la attende Venus Williams. Eliminate, invece, Alberta Brianti e Tathiana Garbin

COMMENTA NEL FORUM DEL TENNIS

Australian al femminile - Impresa di Francesca Schiavone, numero 17 del tabellone, che si è qualificata agli ottavi di finale degli Australian Open, primo Slam stagionale in corso a Melbourne, battendo con un doppio 6-2 la polacca Agnieszka Radwanska, decima favorita del seeding, in un'ora e 19 minuti.

Per la ventinovenne milanese è il secondo ottavo di finale agli Australian Open, risultato già ottenuto nel 2006 quando fu fermata da Kim Clijsters. Al prossimo turno affronterà Venus Williams, testa di serie numero 6: cinque i precedenti e tutti a favore della statunitense. La Schiavone è l'unica tennista azzurra ad aver centrato i quarti in tre dei quattro Slam: Wimbledon, Roland Garros 2001 e US Open 2003. Le mancano solo gli Australian Open.

"La partita si è messa bene sin dall'inizio", ha raccontato la tennista dopo il match. "Ci sono stati scambi duri, ma io riuscivo a comandare: la facevo muovere attaccandola e facendo il mio gioco. Ho gestito bene il vantaggio sul 5-2 del primo set, servendo decisa per vincerlo. All`inizio del secondo set invece c`è stato più equilibrio anche se ho avuto numerose palle break. Ho caricato alto sul diritto per poi entrarle veloce sul rovescio, così perdeva campo ed io vincevo i punti a rete. Ho lottato ogni punto con pazienza e decisione e sono soddisfatta per aver gestita al meglio il match. Ora aspettiamo Venus… la Venere".

Eliminate, invece, sempre al terzo turno, Alberta Brianti e Tathiana Garbin. La ventinovenne di Parma ha ceduto sulla Rod Laver Arena a Samantha Stosur, numero 13 del seeding, per 6-4 6-1. Sull'Hisense Arena la Garbin si è arresa alla fortissima bielorussa Victoria Azarenka, 20 anni e numero 7 del tabellone, capace di battere lo scorso anno a Miami in finale Serena Williams. Ha ceduto in due set: 6-0 6-2. La trentaduenne veneta era alla 41esima partecipazione ad un torneo dello Slam: il record appartiene a Silvia Farina giunta a quota 51.

Australian al maschile - "Sono al top e mi piace essere sfidato". Roger Federer si tiene stretto lo scettro di re del tennis e si prepara alle "vere" sfide nella seconda settimana dell'Australian Open. E sarà Lleyton Hewitt ad affrontare il numero uno al mondo negli ottavi di finale del primo slam della stagione in corso a Melbourne. L'australiano ha avuto la meglio sul cipriota Marcos Baghdatis che è stato costretto ad abbandonare per un infortunio alla spalla destra. In quel momento Hewitt aveva vinto il primo set per 6-1 ed era in vantaggio per 4-2 nel secondo.

A Roger Federer è bastato un break per ciascun set per avere la meglio sullo spagnolo Albert Montanes e qualificarsi agli ottavi di finale. Il numero uno del mondo si è imposto per 6-3, 6-4, 6-4. Tutto facile per Nikolay Davydenko, numero 6 del tabellone: il russo, vincitore del Masters 2009 e a Doha a inizio 2010 (dove ha battuto Federer e Nadal), ha superato per 6-0, 6-3, 6-4 l'argentino Juan Monaco. Sulla sua strada c'è lo spagnolo Fernando Verdasco (n.9), semifinalista a Melbourne lo scorso anno, che si è imposto su Stefan Koubek, ritiratosi dopo il 6-1 del primo set. Novak Djokovic, favorito numero 3, ha concesso appena quattro giochi all'uzbeko Denis Istomin (6-1, 6-1, 6-2). Il serbo al prossimo turno affronterà Lukas Kubot, primo polacco a raggiungerà gli ottavi in un torneo dello Slam dopo 27 anni e che ha approfittato del ritiro del russo Mikhail Youhny.

Tutti i siti Sky