Caricamento in corso...
03 giugno 2010

Dementieva si ritira, Schiavone in finale con la Stosur

print-icon
spo

Nella storia del tennis azzurro. Francesca Schiavone è la prima italiana a raggiungere una finale dello Slam

Clamoroso al Roland Garros. Dopo aver perso il primo set al tie-break la russa si è ritirata. La milanese, prima azzurra a qualificarsi per una finale dello Slam, gongola: "Non mi rendo conto". La Stosur batte la Jankovic 6-1, 6-2. VIDEO E FOTO

COMMENTA NEL FORUM DEL TENNIS

Francesca Schiavone è meravigliosamente in finale al Roland Garros di Parigi, prima italiana ad avere raggiunto un simile traguardo in uno slam. La 29enne milanese ha beneficiato del ritiro della russa Elena Dementieva in semifinale. Francesca aveva vinto il primo set al tie-break per 7-3, poi la russa è stata costretta ad abbandonare per problemi fisici. In finale, l'azzurra affronterà l'australiana Samantha Stosur. La testa di serie n.7 in semifinale ha infatti eliminato la serba Jelena Jankovic (n.4) in due set: 6-1, 6-2. La Schiavone è la prima italiana di sempre nella finale di un torneo femminile dello Slam.

La Schiavone entra insomma nella storia. La sua è un'impresa riuscita solo, in campo maschile, a quattro italiani. Sei prima di oggi le finali giocate, tutte al Roland Garros: quattro hanno visto protagonista Nicola Pietrangeli (vinse il titolo nel 1959 e nel 1960, perse nel 1961 e nel 1964), una Adriano Panatta (vinse nel 1976) e una Giorgio De Stefani (perse nel 1932). La Schiavone riporta l'Italia in una finale dello Slam a 34 anni di distanza dall'impresa di Panatta. La 'leonessa' migliora il record di Silvana Lazzarino, che nel 1954 si fermò in semifinale.

"E' fantastico, ancora non riesco a rendermi conto di quello che ho fatto" sono state le prime parole di Francesca dopo aver conquistato la finale del Roland Garros.  "E' un'emozione enorme - ha aggiunto la tennista milanese, prima azzurra a raggiungere la finale in un torneo del grande slam - Ho scritto una pagina di storia per il mio Paese e per me. Sarà bello poter incontrare nuovamente la Stosur perché abbiamo un tennis molto vario entrambe, non siamo solite  tirare bordate, siamo due giocatrici che variano il gioco. Lei però ha molta forza, io un po' di meno, ma cercherò di gestire la cosa al meglio". Francesca Schiavone, ai microfoni di Eurosport, pensa già alla finale che la attende contro la Stosur. "Una volta che  siamo qua ci proviamo - ha aggiunto la milanese-, bisogna stare concentrati ancora due o tre giorni, che dire? proviamoci".

Tutti i siti Sky