Caricamento in corso...
17 ottobre 2010

Shanghai, Trionfo per Murray. Federer battuto in due set

print-icon
mas

Il vincitore del Masters Atp di Shanghai Andy Murray

Lo scozzese vince il Masters Atp aggiudicandosi il terzo trofeo della stagione e lasciando al fenomeno svizzero solo cinque games in due set. Continua la tradizione positiva del britannico ora in vantaggio per 8 finali a 5 su Federer.

Sfoglia tutto l'Album del tennis

Commenta nel forum del tennis

Andy Murray vince il torneo Masters Atp di Shanghai (cemento, montepremi 3,24 milioni di dollari). Lo scozzese, numero 4 del seeding, ha battuto in finale Roger Federer, numero 3 del tabellone, con il punteggio eloquente di 6-3, 6-2 in un'ora e 25 minuti.

I due tennisti si sono affrontati in finale per la terza volta quest'anno. Federer si era aggiudicato l'Open d'Australia, mentre Murray aveva portato a casa l'Open del Canada. Con questo risultato lo scozzese porta a otto le vittorie dirette contro Federer, che a sua volta ha superato l'avversario in cinque incontri.

Murray ha dominato la sfida mettendo a segno  20 colpi vincenti e piazzando 4 break. Dall'altra parte della rete,  invece, Federer ha offerto il peggio del proprio repertorio in una  domenica storta. Il fuoriclasse di Basilea non ha mai ingranato, come  confermano i 30 errori gratuiti. L'elvetico ha avuto le chance per  rimanere in partita, ma non è riuscito a trasformare nemmeno una  delle 6 palle break create. Federer potrà consolarsi parzialmente con il passo avanti che si appresta a compiere nel ranking: da domani  sarà ufficialmente al secondo posto grazie al sorpasso ai danni del  serbo Novak Djokovic, battuto ieri nella semifinale del torneo cinese.

Murray, intanto, si gode l'ottavo successo in 13 confronti  diretti con l'ex numero 1 del mondo. "E' stata una settimana  splendida, ho giocato a tratti il mio miglior tennis", dice lo scozzese, che quest'anno ha battuto Federer anche a Toronto. "Ho servito alla grande, in particolare nei game in cui dovevo rincorrere  nel punteggio. La mia seconda palla è migliorata molto dall'inizio della stagione Da fondo ho colpito sempre nel modo migliore e contro Roger è fondamentale trovare l'anticipo del colpo. Sono anche riuscito a rispondere, mi sono mosso davvero bene", dice analizzando la sua  prova.

"So che e' difficile vincere tornei di questo livello", dice invece Federer, che ha perso l'occasione di conquistare il 18° titolo in un  Masters e di eguagliare così il bottino di Nadal. "Non è semplice, Andy ha giocato benissimo. Io ho avuto qualche possibilità ma non ho  messo a segno nessun break. Lui, d'altra parte, non mi ha concesso molto. Merito suo, anche se io non ho trovato molti grandi colpi. La  mia settimana, però, resta positiva".

Tutti i siti Sky