Caricamento in corso...
29 gennaio 2012

Australian Open, a Djokovic la maratona infinita. Nadal ko

print-icon
nad

A Melbourne, la finale degli Australian Open è stata vinta da Djokovic

Superato lo spagnolo dopo 5 estenuanti set e record di 5 ore e 53 minuti di grande spettacolo: 5-7 6-4 6-2 6-7(5) 7-5. Il serbo, al terzo successo in Australia, si conferma il numero uno al mondo nel primo Slam della stagione. LE FOTO DEL MATCH

FOTO: Donay, Tomic si consola con il suo amuleto biondo - Serena Williams, la tigra degli antipodi - Melbourne, il tennis nel caldo australiano - Pennetta vs Williams, il fotoromanzo del match - Tutte le bellezze del grande tennis

Novak Djokovic vince gli Australian Open 2012. Nella finale maschile alla Rod Laver Arena di Melbourne Park, il serbo numero uno del mondo supera Rafa Nadal in cinque set: 5-7 6-4 6-2 6-7(5) 7-5 dopo 5h53' nella finale più lunga nella storia di un torneo dello Slam. Per Djokovic si tratta del terzo successo in Australia dopo quelli del 2008 e del 2011. Nel suo palmares, invece, i titoli dello Slam salgono a cinque tenendo conto delle vittorie a Wimbledon e agli Us Open dello scorso anno. Per Nadal, invece, settima sconfitta di fila in altrettante finali contro il serbo.

Djokovic conquista il 29° titolo della carriera, il quinto in un major e il terzo sul cemento di Melbourne Park dopo gli exploit del  2008 e del 2011. Il 24enne di Belgrado batte Nadal per la settima  volta consecutiva in una finale. Lo spagnolo conduce 16-14 nei  confronti diretti.

Che oggi a Melbourne sia stata una giornata storica è d'accordo lo stesso Nole che nel suo discorso celebrativo sul palco allestito al termine dell'incontro ha esordito così: "Abbiamo fatto la storia questa sera". Un match giocato in altalena dai due fuoriclasse della racchetta che alla fine hanno segnato complessivamente 368 punti: nel primo set il controllo della partita è tutto stato dello spagnolo, poi però è uscito fuori lo strapotere in risposta del serbo, dominatore di un terzo parziale a senso unico in cui ha ceduto soli due punti in battuta, vincendo 4 giochi su 8 a zero.

Nadal, per contro, vince i suoi due game del terzo parziale solamente ai vantaggi. Insomma, a inizio quarto set, nessuno avrebbe scommesso sulla rimonta dello spagnolo, parso spacciato sul 3-4 0-40. Ma Nadal tira fuori la 'vecchia' classe che lo ha reso celebre in questi anni, e che sembrava in qualche modo aver smarrito negli ultimi tempi, dopo le ultime batoste subite proprio da Djokovic. Cinque punti consecutivi gli consentono di salvarsi una prima volta, prima di una breve interruzione per pioggia, durata 10 minuti, il tempo necessario per mettere in azione il tetto retrattile.

Djokovic ha così tempo e modo di meditare sulle tre palle break non sfruttate nel gioco precedente, e di rimettere ordine alle proprie idee. Nadal è costretto per ben due volte a servire per rimanere nel match, ma riesce in qualche modo a trascinare il set al tiebreak. Il maiorchino fallisce una ghiotta occasione per portarsi avanti di un minibreak, sbagliando un rovescio a campo aperto. Ancora più grave è l'errore di dritto di Djokovic, sul 5-3 in suo favore, che gli avrebbe regalato 3 match point consecutivi. Nadal, nuovamente a un passo dal baratro, dà il meglio di sé conquistando quattro punti di fila, prolungando la finale al quinto.

Scoccate le cinque ore di gioco le emozioni sembrano non finire mai: sul 4-4 nel quinto set Djokovic si procura una palla break per andare a servire per il match. Lo spagnolo l'annulla con uno slice esterno vincente e riesce a tenere la battuta. E' solo il preludio a quello che accadrà due game più tardi. Nadal annulla l'ennesima palla break, la diciannovesima concessa nel match, ma nulla può sulla seconda.

Djokovic può servire per il match dopo che, mezzora prima, sembrava sull'orlo del ko. Il n.1 del mondo si porta sul 30-0, ma deve fare i conti con l'irriducibilità di un avversario capace di rimandare di là qualsiasi sua accelerazione. Nadal rimonta fino a procurarsi una palla del controbreak. Con il rovescio, Djokovic sventa il pericolo, prima che il nastro tradisca Rafa nel punto successivo, regalando al serbo il matchpoint. Servizio e dritto, e la partita finisce con il n.1 del mondo serbo in festa e sempre di più nella storia del tennis.

Guarda anche:

Gioco, partita, primato: Viktoria è la nuova numero uno al mondo


Commenta la finale dell'Australian Open 2012 nel Forum del tennis

Tutti i siti Sky