Caricamento in corso...
06 aprile 2012

Coppa Davis, al via i quarti. Senza Nadal e Djokovic

print-icon
cop

La coppa "a insalatiera" fu creata su richiesta e a spese dello studente di Harvard Dwight F.Davis nel 1899. Il trofeo fu pagato circa 1000 $ (Foto Getty)

La Spagna, orfana del campione di Maiorca, ospita l'Austria di Melzer. Partita di grande fascino tra Francia e Stati Uniti in campo a Montecarlo, a una settimana dal via del torneo monegasco

FOTO: l'Album del grande tennis - Roger Federer, il re della racchetta

Weekend di Pasqua all’insegna della Coppa Davis. Si giocano tra venerdì e domenica i quarti di finale della competizione nata nel 1899, dalla volontà di quattro studenti dell’università di Harvard, desiderosi di sfidare con la racchetta gli inglesi. Quattro confronti, in cui mancheranno i primi quattro delle classifiche Atp. Novak Djokovic non è stato convocato, Rafael Nadal è infortunato, mentre Andy Murray e Roger Federer sono già stati eliminati dalla competizione. Quattro partite con molte incertezze e una sola certezza.

Che la Spagna, in campo sulla terra rossa di Castellón de la Plana contro l'Austria, dovrebbe vincere anche senza il fuoriclasse Nadal. Ferrer, numero 5 del mondo e Granollers dovrebbero avere la maglio senza problemi contro Jurgen Melzer e Andreas Haider-Maurer. L’unico avversario della Spagna sembrerebbe essere il maltempo che ha colpito Castellón in questi giorni. Brutto tempo che rischie di funestare anche Argentina-Croazia, in campo a Buneso Aires. Nella capitale argentina la selezione guidata dal gigante Juan Martin Del Potro e da Nicolas Nalbandian se la dovrà vedere contro la Crozia di Cilic e Karlovic. Il pronostico pende dalla parte dell'albiceleste. Per provare a sognare la prima insalatiera, già “annusata” un paio di volte ma mai conquistata.

Molto equlibrata invece il derby centroeuropeo tra Repubblica Ceca e Serbia con i balcanici orfani di Djokovic ma con Troicki e Tipsarevic, I cechi controbattono con il numero 7 Tomas Berdych e con Radek Stepanek. Si preannuncia battaglia all’O2 Arena di Praga. A chiudere il quadro una sfida piena di fascino e non solo per chi giocherà. Si tratta di Francia-Stati Uniti che avrà come teatro la terra rossa di Montecarlo. A una settimana dall'inizio del torneo monegasco.

I Blues, capitanati da Guy Forget, mettono in campo Simon e Jo-Wilfried Tsonga mentre il capitano non giocatore Jim Courier ha scelto l'uomo del momento Isner e il giovanissimo Harrison, classe 1992. In doppio gli Usa poi possono contare sui fratelli Bryant. In altre parole: un punto sicuro.

Tutti i siti Sky