Caricamento in corso...
08 luglio 2013

Sir Murray re di Wimbledon: ora spero di non perdere la fame

print-icon

Conferenza stampa del giorno dopo. "Nessuno merita più di Andy il titolo di cavaliere" ha dichiarato il premier britannico, David Cameron. E il campione dialoga su Twitter coi fan: "Se vincerò 10 titoli dello Slam? Non credo proprio!"

"Nessuno merita più di Andy Murray il titolo di cavaliere". Lo ha dichiarato oggi il premier britannico, David Cameron, commentando il trionfo di ieri a Wimbledon del tennista scozzese. "Ha sollevato lo spirito di un Paese intero" ha aggiunto il primo ministro, sottolineando che da 77 anni il titolo non veniva vinto da un cittadino del Regno. Ora quindi Murray è atteso da un futuro da baronetto: la storica vittoria di Wimbledon verrà suggellata dal titolo di "Sir", promessogli da Cameron. La decisione finale spetterà a una commissione indipendente di Westminster, ma dopo il trionfo ai Championships edizione 127, il primo ministro - in tribuna domenica, così come il leader dell'opposizione Ed Miliband e il premier scozzese Alex Salmond - si è sbilanciato.

"Spero di non perdere la fame". Andy Murray, dal canto suo, ha appena realizzato il sogno di un'intera vita  sportiva. Lo scozzese, 24 ore dopo l'impresa, prova ad analizzare la situazione con lucidità, per quanto possibile. D'ora in poi, qualsiasi risultato rischia di passare in secondo piano rispetto a quanto è successo il 7 luglio 2013. Arrivato al top,  Murray potrebbe anche rilassarsi. Un posto nella storia, ormai, è assicurato. "Spero di non perdere la fame, penso che dovrei usare tutto questo per trovare nuove motivazioni. So cosa siginifichi  perdere una finale a Wimbledon", dice, nella conferenza del giorno dopo all'All England Club, ripensando alla sconfitta incassata nel 2012.

"Adesso -aggiunge- so anche cosa significa vincere una finale qui. Ho lavorato tantissimo e ne è valsa la pena. Nei prossimi giorni farò festa, ma poi dovrò cominciare alla preparazione in vista dell'US Open". A Flushing Meadows, Murray si presenterà come defending champion: "Non mi è mai capitato, sinora, di scendere in campo per difendere un titolo del Grande Slam". Se ne renderà conto presto e, tra un anno, scoprirà anche cosa significa difendere la  corona a Wimbledon.

Nelle prime ore da re, Andy ha posato a lungo per le foto accanto alla statua di Fred Perry, l'ultimo suddito di Sua Maestà capace di trionfare sull'erba londinese nel 1936. "Non mi rendo conto, in maniera precisa, di cosa significhi il mio trionfo per tutti -dice-. Ci sono andato vicino diverse volte e finalmente ce l'ho fatta. Sarebbe bello se, come popolo, smettessimo di considerare  Wimbledon come qualcosa di negativo, come un tabù da sfatare. Dovremmo solo pensare che è qualcosa di bello".

Di sicuro, da ieri è così. Il trionfo consente allo scozzese di consolidare il secondo posto nel ranking Atp e di accorciare le distanze rispetto al serbo Novak Djokovic, sempre numero 1 nonostante  il ko incassato in finale. "Ho vinto 2 titoli dello Slam -dice  Murray- e sono arrivato in finale in un'altra occasione. Ho anche vinto l'oro olimpico a Londra. Probabilmente devo essere più costante negli altri tornei in calendario: non ho giocato al Roland Garros e questo ovviamente mi ha penalizzato. Al di là di tutto, meglio non essere il numero 1 del mondo se riesco comunque a conquistare altri titoli dello Slam".

La carriera di Murray è decollata quando lo scozzese si è affidato alle cure di Ivan Lendl. Da giocatore, il ceco-statunitense non è mai riuscito a trionfare a Wimbledon. Da coach, ha centrato  brillantemente l'obiettivo. "Lo devo ringraziare per tutto ciò che  ha fatto, il suo contributo è stato enorme. Ma non posso dimenticare  nemmeno l'aiuto che mi hanno dato le altre persone a me vicine", dice Murray.



Dopo la vittoria, Andy aveva affidato un significativo messaggio a Twitter: "Non riesco a credere a quello che è appena successo!!!!!!!". Il post (vedi qua sopra) è stato ritwittato oltre 90.000 volte. Il feeling con il social network è proseguito anche oggi: lo scozzese si è infatti concesso alle domande di alcuni follower e, tra  l'altro, ha confessato di non aver ancora dormito con il trofeo: "Non l'ho fatto. Ma forse la coppa sarà fortunata stanotte". L'exploit non ha cancellato prudenza e, forse, scaramanzia: "Se vincerò 10 titoli dello Slam? Non credo proprio!".

Tutti i siti Sky