Caricamento in corso...
10 settembre 2015

Disavventura per l'ex tennista Blake. La polizia lo scambia per un ladro e lo arresta

print-icon
bla

Gettato a faccia in giù da un poliziotto, ammanettato e portato al commissariato. Brutta giornata per l'ex stella del tennis

L'ex giocatore statunitense stava aspettando di fronte al suo hotel un passaggio per andare agli Us Open, quando è stato gettato a terra e poi circondato da cinque poliziotti in borghese di New York, in quello che è stato uno scambio di identità

Decisamente una brutta disavventura quella capitata a James Blake. Il tennista afro-americano, 35 anni, era di fronte ad un hotel a Manhattan aspettando una macchina per andare agli Us Open. All'improvviso dei poliziotti sotto copertura lo hanno scaraventato al suolo e la hanno ammanettato perchè scambiato per un individuo sospetto. Solo dopo diverso tempo si sono accorti dell'errore.

 

Secondo quanto scrive il New York Post, la polizia era sulle tracce di un gruppo di truffatori che usano carte di credito false per acquistare cellulari per poi recapitarli all'ingresso dell'hotel dove si trovava Blake. Prima di fermare il tennista, gli agenti avevano arrestato il presunto uomo della consegna della merce il quale a sua volta aveva indicato Blake come complice. Solo dopo che uno degli agenti ha riconosciuto il tennista, gli agenti lo hanno lasciato andare.

 

"E' stata una giornata movimentata e folle - il commento di Blake- e credo che ci sia stato comunque un eccesso di forza inutile da parte della polizia, a prescindere dalla razza. Nessuno dovrebbe subire un simile maltrattamento. Avrebbero semplicemente potuto dire: 'vogliamo parlare con te', potevano chiedermi spiegazioni e documenti se pensavano che fossi un sospetto. Ero lì in piedi, fermo, non stavo correndo, non  stavo scappando, non stavo facendo niente di male, solo aspettando la macchina. Non era assolutamente necessario quello che hanno fatto".

La risposta del capo del New York Police Department non si è fatta attendere: "La razza non c'entra nulla", ha replicato, spiegando come l'ex campione di tennis sembrava il fratello gemello della persona ricercata. "Finiamola con queste sciocchezze: abbiamo un testimone che aveva identificato il signor Blake come l'individuo al quale aveva venduto un telefono e che aveva dato una carta di credito falsa".

 

Tutti i siti Sky