Caricamento in corso...
09 dicembre 2015

Federer lascia Edberg, nel team del campione arriva Ljubicic

print-icon
fed

Lo svedese, dopo due anni, non sarà più l'allenatore del campionissimo svizzero ("Ringrazio il mio idolo dell'infanzia") mentre entra in squadra Ivan Ljubicic, che ha recentemente lasciato la collaborazione con Milos Raonic

Stefan Edberg non sarà più l'allenatore di Roger Federer. Lo svedese si mette da parte dopo due anni come allenatore e consulente dello svizzero, mentre entra nel team di Federer Ivan Ljubicic, che ha recentemente lasciato la collaborazione con Milos Raonic.


L'annuncio è arrivato da parte dello stesso Federer sul suo sito dopo una breve vacanza al termine della stagione. Il 34enne campione elvetico ha spiegato che l'ex numero uno del mondo, lo svedese Stefan Edberg, aveva inizialmente firmato un accordo per un anno, all'inizio del 2014, ma ha poi aveva accettato di aiutarlo anche durante il 2015. Federer ha ringraziato il suo ex allenatore per il lavoro svolto e i successi ottenuti: "Dopo due anni di grandi successi, vorrei ringraziare Stefan Edberg, il mio idolo d'infanzia, per aver accettato di unirsi alla mia squadra, è stato un sogno che si è avverato. Anche se doveva essere solo per il 2014, Stefan è stato grande e ha accettato di estendere la collaborazione anche per quest'anno, cosa che ho molto apprezzato".


"Mi ha insegnato tanto e la sua influenza sul mio gioco rimarrà. Lui sarà sempre una parte della mia squadra. Severin Luthi, che lavora con me dal 2008, continuerà ad essere il mio allenatore principale e sarà affiancato da Ivan Ljubicic. Sia Daniel Troxler, il mio fisioterapista che Pierre Paganini, il mio preparatore atletico di lunga data, continueranno a far parte della mia squadra tecnica", ha aggiunto Federer. Lo stesso Stefan Edberg ha spiegato la situazione al sito dell'Atp.

"Roger ed io abbiamo passato due anni meravigliosi insieme. Quando inizialmente mi ha avvicinato, alla fine del 2013, mi sono impegnato a lavorare con lui solo per un anno. E' diventato molto chiaro fin dall'inizio che questa sarebbe stata una collaborazione speciale, lavorare con il più grande ambasciatore del tennis che abbia mai visto. E' stato emozionante per me essere di nuovo in giro e vedere che lo sport ha fatto tanti progressi", ha spiegato lo svedese.

"La qualità del tennis di oggi è più alta di quanto non lo sia mai stata. Dopo un incredibile 2014, ho deciso di continuare per un altro anno, ma con la chiara comprensione che sarebbe stato il mio ultimo anno, visto l'impegno di tempo. Credo che Roger abbia ancora molto da dare allo sport del tennis e sia in grado di vincere i grandi eventi. Roger ed io rimarremo amici e io mi sentirò sempre parte della squadra di Federer. Spero di riuscire di andare a vedere giocare Roger in alcuni tornei nel 2016", ha concluso lo svedese. Federer inizierà la stagione 2016 a Brisbane il 3 gennaio, dove difenderà il titolo.

 

Tutti i siti Sky