Caricamento in corso...
13 aprile 2016

Incredibile a Montecarlo: Djokovic subito fuori. Eliminato Lorenzi

print-icon
ves

Jiri Vesely bacia il campo del centrale di Montecarlo (Foto Getty)

Il numero 1 del mondo clamorosamente sconfitto all'esordio nel torneo del Principato: il ceco lo batte in 3 set riaprendo ogni scenario per la possibile finale. Nessun problema per Nadal che supera Bedene, ok anche Wawrinka e Goffin. Monfils rifila un 6-2, 6-4 all'ultimo italiano rimasto in tabellone

di Francesco Giambertone

da Montecarlo

E adesso si balla. Il mercoledì del torneo di Montecarlo, fin qui privo di sorprese, regala nel pomeriggio la più grande: il campione in carica e numero 1 del mondo Novak Djokovic perde all'esordio contro il numero 55 del mondo Jiri Vesely, eroe della giornata a Monaco. Al primo match della sua stagione sulla terra rossa, dopo la vittoria non brillantissima a Miami, il fenomeno serbo crolla sulla superficie di casa (abita a poche centinaia di metri dal Country Club): finisce 6-4, 2-6, 6-4 per il ceco che fa felici Federer, Wawrinka e Nadal, nel giorno più bello della sua carriera.


 


La caduta del principe - Il numero 1 del mondo paga subito caro un brutto passaggio a vuoto nel nono game, quando concede lo 0-40 sul 4 pari, salva due palle break ma non la terza: il set è del ceco. Ma c'è qualcosa che non va in Djokovic, meno preciso del solito e in grande sofferenza sul servizio di Vesely: il ceco perde solo 2 punti su 22 battute. Il vero Nole entra in campo nel secondo set, in cui pialla il 22enne ceco e si riprende il controllo. I fantasmi di Djokovic però si riaffacciano sul centrale all'inizio del terzo set: tre break nei primi 3 game portano Vesely sull'1-3. Il pubblico impazzisce ad ogni palla corta che Nole non riesce a recuperare, buttato fuori dal campo dalle botte mancine del semifinalista di Marrakech. Sul 5-3 per il ceco, Djokovic deve svegliarsi. Invece tira due drittacci in rete e ne stecca un terzo, mandando Vesely sul match point. Il software della vittoria installato nel robot-Nole lo salva e gli permette di restare in partita. Vesely passa a servire per chiudere la partita, si va sul 40-15: altri due punti del match per l'underdog. E stavolta il ragazzo non sbaglia: è Nole a tirare largo di un soffio il dritto che lo esclude dal torneo. Il tennis per fortuna sa ancora stupire.


Fuori Lorenzi: ciao italiani - Vesely giocherà giovedì contro Gael Monfils, uno che al contrario di Nole ha rispettato il pronostico da super favorito: ne fa le spese Paolo Lorenzi, ultimo degli azzurri in tabellone eliminato dal francese con un 6-2, 6-4 dignitoso e nel secondo set combattuto. Prima di Djokovic un altro top 10 aveva salutato la terra del Country Club: Tomas Berdych, testa di serie numero 6 e finalista del 2015. A farlo fuori in 3 set è il bosniaco Damir Dzumhur: il 99 del mondo si era già tolto uno sfizio simile a Miami con Nadal, ritiratosi però sull'uno pari. Stavolta se l'è goduto fino in fondo.


Rafa e Stan senza problemi - Il secondo turno sulla carta semplice per Nadal prende il giusto flow a cavallo tra i due set: sul 5-3 nel primo Rafa concede una palla del contro-break a Bedene, la salva e la trasforma in un set point che non si fa sfuggire. Tre minuti di pausa, si torna in campo e l'inglese perde subito il servizio. Goodbye my friend: 6-3, 6-3 per lo spagnolo, atterrato per la prima volta a Montecarlo in 10 anni senza aver vinto un titolo in stagione. Scorre liscia anche la mattinata di Wawrinka, cominciata alle 11 sotto il primo cielo nuvoloso del torneo, di fronte al tedesco Kohlschreiber: “Stan The Man” butta via 10 occasioni di strappare il servizio all'avversario già incontrato (e battuto) quest'anno sul duro di Dubai, ma la chiude sul 7-6, 7-5. E ora, senza più Nole, questo Montecarlo è tutto da vedere.


Tutti i siti Sky