Caricamento in corso...
27 settembre 2010

Mondiali, Italvolley insaziabile: 3-2 all'Iran

print-icon
spo

L'Italia batte l'Iran 3-2 e chiude al primo posto il Gruppo A dei Mondiali (foto Ansa)

Al Forum di Assago è arrivato il terzo successo consecutivo per gli azzurri di Andrea Anastasi, già qualificati per la seconda fase del torneo. Primato congelato nella Pool A, giovedì si riparte da Catania: Germania e Porto Rico gli ostacoli da superare

Sofferta vittoria dell'Italvolley contro l'Iran nell'ultima partita del primo pool eliminatorio. La squadra di Anastasi chiude al primo posto, a punteggio pieno, ma vince solo al tiebreak, dopo essersi portata sul 2-0. Evitata, dunque, la temibile Russia, i prossimi avversari dell'Italia saranno Germania e Portorico.

L'Italia non ha avuto vita facile fin dall'inizio, sfoderando la prestazione peggiore di un mondiale sin qui convincente. Se è vero che dall'altra parte ha trovato un Iran sceso in campo con il coltello tra i denti, voglioso di conquistarsi la qualificazione, gli azzurri sono apparsi nervosi e un po' disuniti. Anastasi ha dato spazio a chi nei primi due match è rimasto in panchina, inserendo dall'inizio Sala e Cernic e lasciando fuori Parodi. Ma l'asse Vermiglio-Fei non gira, e la diagonale Travica-Latsko non si dimostra all'altezza. Un brutto segnale. L'Italia soffre sin dalla prima combattutissima frazione la  verve di Zarini e Mousavi, e la compattezza del muro avversario. Poi Cernic esce dal guscio, e con Savani e Fei, rimette le cose a posto. Il fuoco iraniano sembra spegnersi nel secondo set, quando l'Italia dilaga, sospinta, questa volta da Sala.

Ma è solo un'illusione: gli iraniani si prendono di forza il terzo set, con gli azzurri che penano in ricezione e sbagliano il servizio. L'amnesia azzurra prosegue nel quarto set: dopo aver annullato 4 match point, l'Italia capitola 28-26. Si va al tie break. Gli azzurri la spuntano per un soffio, beffando l'Iran che torna a casa. Dopo tre vittorie su tre partite l'Italia saluta  così il pubblico di Milano, che ha mantenuto la tradizione inaugurata all'esordio: inno di Mameli cantato a squarciagola, fino alla fine, in barba al protocollo della federazione internazionale, e con la partecipazione dei seicento agguerritissimi tifosi iraniani, che hanno battuto le mani a tempo. Il gruppo azzurro partirà per Catania, città che ospiterà le partite del prossimo girone degli azzurri. 

Guarda anche:

Mondiali, è ancora grande Italia. Egitto schiacciato 3-0
Italia, esordio col botto. Giappone al tappeto

Commenta nel forum del volley

Tutti i siti Sky