Caricamento in corso...
09 settembre 2011

Il "Mastro" sacro: "Prima gli Europei, poi Madonna..."

print-icon
lui

Luigi Mastrangelo guiderà l'Italvolley agli Europei in Austria e Repubblica Ceca (Getty)

L'INTERVISTA. Il veterano Mastrangelo guida gli Azzurri alla rassegna continentale in Austria e Repubblica Ceca (Italia in campo oggi con il Belgio). La cantante lo voleva per un ballo sadomaso sul palco: "Punto all'Olimpiade, c'è tempo". LE FOTO

Vai sotto rete con il Grande Album del volley

Mastrangelo's story: dagli ori europei alle tre Olimpiadi, tutto il "Bronzo di Mottola"

di Alfredo Corallo

"Mi piacerebbe fare un giochino sadomaso con lui, vorrei frustarlo sul palco". La tentazione di cedere al "capriccetto" di Madonna è stata fortissima, l'occasione propiziata dalla cantante non è di quelle che - commercialmente parlando - capitano tutti i giorni (peraltro la lista sarebbe lunghetta, ma lady Ciccone se lo può permettere...). Eppure Gigi Mastrangelo ha gentilmente rispedito l'invito al mittente o, forse, ha soltanto rimandato lo show: prima di una vita tutta "pailettes e frustini" ci sono un Europeo e un'Olimpiade da conquistare, da leader maximo della ritrovata Italvolley.

E' stato richiamato in Nazionale e non ha esitato, a 36 anni. Totti e Nesta, per fare due nomi di celebrità nel calcio, rifiutarono la convocazione.
"Quelli erano casi differenti, legati anche a problemi fisici, ma credo che un atleta non dovrebbe neanche avere la possibilità di scegliere, la maglia azzurra è il top".

Possiamo dire che è un po' la "chioccia" di questa squadra. Che impressione si è fatto del nuovo ciclo targato Berruto?
"Il gruppo è la cosa più bella di questa Italia, ci sono tanti giovani con la voglia di spaccare il mondo, hanno un grande futuro davanti a loro. Il coach lo conosco bene, è perfetto: sa dare le giuste motivazioni e ha un ottimo impatto sulla psicologia dei giocatori".

Com'è l'intesa con Travica, il palleggiatore?
"Non ci conosciamo tantissimo, ma i meccanismi sono già abbastanza oliati. Ci divertiremo insieme".

La battuta e il muro sono i suoi punti di forza. Con lei non si passa...
"Ci difendiamo... No, soprattutto il servizio direi che è fondamentale, sto bene, ho la "mano calda".

Primo incontro con il Belgio, domenica la Finlandia e lunedì la Francia. Che girone si prospetta?
"Sono squadre da non sottovalutare, i francesi poi ci fanno sempre soffrire. Ma noi puntiamo al primo posto per evitare gli altri turni intermedi e riposare per le sfide decisive. Non temiamo nessuno".

Quelle da battere?
"Russia e Bulgaria su tutte. Ma ripeto: dovranno fare i conti con noi".

Nell'ultima amichevole con la Serbia vi siete fatti rimontare dal 2-0. Un piccolo segnale?
"No, abbiamo soltanto provato a sperimentare, con tanti cambi, i test servono a questo. Siamo tranquillissimi"

Da centrale a centrale: nella nazionale femminile Barbolini ha provato a spostare la Gioli ad opposto, come l'ha vista?
"Non me n'ero accorto... Spero non si offendano ma non le seguo molto, lo considero quasi un altro sport... Scherzi a parte, ai loro livelli sono le più brave, ma vuoi mettere con noi maschi!"

Ci sarai per la tua quarta Olimpiade, a Londra 2012?
"Purtroppo vincere l'Europeo non ci permetterà di avere il pass, ma è il mio obiettivo. Sarebbe il coronamento di una carriera".

Spaziamo. Sei un'icona sexy, anche per i gay. E su Facebook ci sono tante pagine dedicate a te. Come vivi tanto "affetto"?
"Sono cose che fanno piacere, nel nostro sport è un'anomalia, nel calcio o nelle moto è più frequente. Sono contento perché credo faccia bene alla pallavolo, visto che appunto non è conosciutissima. Proprio per questo non pensavo di diventare un sex symbol per le donne".

Non ci crede nessuno. A proposito: parteciperesti ad un reality?
"La Ventura me l'ha chiesto due volte di andare sull'Isola, ma ho sempre dovuto rinunciare perché preferisco ancora giocare. Ma quando smetterò non mi farò scappare più l'opportunità, il mondo dello spettacolo mi attira parecchio".

Anche il calcio è una tua passione, eri partito da lì. E il tuo amico Legrottaglie non molla come te.
"Sono uno juventino di ferro, mi avevano invitato ad andare all'inaugurazione del nuovo stadio, ma ho un Europeo che mi aspetta... A dire il vero volevo passare l'invito ad un mio parente, ma era nominale! (risata, ndr). Con Nicola siamo amici e compaesani, sono contento che il Catania l'abbia acquistato, siamo simili in questo senso: amiamo quello che facciamo e non ci arrendiamo mai".

Ma ci vuoi dire com'è andata la storia di Madonna che ti voleva in versione sadomaso per il suo tour?
"Ha contattato il mio agente, voleva che mi esibissi ai suoi concerti... per frustarmi! Abbiamo lasciato perdere, per ora...".


L'Italvolley vincerà gli Europei? Dì la tua nel forum!

Tutti i siti Sky