Caricamento in corso...
18 novembre 2011

L'Italia vince la World Cup. Grazie al Giappone

print-icon
spo

L'Italia ha vinto la World Cup di Volley 2011 (Foto dal sito fivb.com)

Il successo delle nipponiche contro gli Stati Uniti spedisce le ragazze di Barbolini sul gradino più alto del podio. Un trionfo meritato dopo le dieci vittorie conquistate (nove di fila) dalle azzurre: l'ultima contro il Kenya per 3-0. LE FOTO

Commenta nella pagina Facebook di Sky Sport

FOTO
- Le azzurre del volley - il grande album del volley - le pallavoliste più sexy dell'ultimo Europeo - World Cup al via in Giappone. In rete per Sky anche la Piccinini - Brasile senza Jaqueline, la grande assente

L'Italia vince la World Cup 2011. E parte del merito è anche del Giappone: il 3-0 delle nipponiche contro gli Stati Uniti ha spedito le azzurre sul gradino più alto del podio. Trionfo meritato dopo le dieci vittorie conquistate (nove di fila). L'ultimo contro il Kenya per 3-0. La selezione italiana aveva già conquistato il pass per le Olimpiadi di Londra.

di Tommaso Liguori

Incredibile ma vero. Le nostre ultime speranze erano legate alla prova del Giappone contro gli Stati Uniti e le nipponiche hanno compiuto la grande impresa battendo le americane e regalando la coppa del mondo all’Italia di Massimo Barbolini. Nove vittorie,di cui sette per 3 a 0 e appena una sconfitta contro gli Stati Uniti.

Questo lo straordinario ruolino di marcia delle azzurre che hanno giocato un ottimo torneo con una fantastica Carolina Costagrande premiata alla fine come migliore giocatrice grazie ai suoi 186 punti vincenti. L’Italia è andata oltre le più rosee previsioni; il nostro obiettivo era cercare di ottenere al massimo la difficile qualificazione per i giochi olimpici di Londra. Non solo ci siamo riusciti ma abbiamo anche vinto il torneo come nel 2007.  In questo modo eviteremo i complicati gironi di qualificazione che scatteranno il prossimo anno a partire da quello previsto in Turchia dove la Russia parte nettamente favorita. Certo, dopo aver battuto tutte le dirette avversarie Cina, Giappone, Brasile, Serbia e Germania, le azzurre hanno accarezzato la vittoria finale ma nello scontro diretto di ieri contro gli Stati Uniti siamo arrivati scarichi più mentalmente che fisicamente nella.

Le americane ci hanno battuto dimostrando una netta superiorità dal punto di vista fisico. La Hooker ha guidato la sua squadra giocando una coppa del mondo fantastica ed è stata con il 52% la più forte schiacciatrice vista in campo grazie ad una elevazione straordinaria che, nel 2009, le ha anche permesso di superare 198 cm nella specialità del salto in alto. Gli Stati Uniti, probabilmente, possono recriminare non solo per l’inattesa sconfitta di oggi contro il Giappone ma soprattutto per la brutta sconfitta subita dalla Germania. Contro il sestetto di Giovanni Guidetti gli USA hanno rimediato un brutto 3 a 0 mentre l’Italia, con una stupenda rimonta, ha battuto le tedesche al tie-break.

Il risultato dell’Italia, seconda squadra a ottenere il pass olimpico dopo il nostro settebello campione del mondo, acquista un rilievo maggiore se si considera anche che la squadra ha dovuto fare a meno di due pedine fondamentali come la schiacciatrice Francesca Piccinini e il libero Paola Cardullo; alla vigilia del torneo, poi, c’è stato anche l’infortunio muscolare dell’ unico opposto di ruolo, Serena Ortolani, che ha costretto Massimo Barbolini a rivoluzionare il sestetto titolare. L’Italia merita il voto di dieci e lode come ha detto anche Massimo Barbolini; titolari e riserve.

Quest’ultime come Anzanello e Signorile hanno sempre dato il massimo il campo quando sono state chiamate in causa. Analizzando gli undici incontri e i singoli reparti non possiamo fare a meno di sottolineare le ottime prove del nostro capitano, l’alzatrice Eleonora Lo Bianco che ha superato le 500 presenze in azzurro e in attacco di Carolina Costagrande  sempre decisiva nei momenti più complicati. Infine, una menzione particolare anche per Simona Gioli sicuramente tra le migliori centrali  al mondo.

Oltre a Italia e Stati Uniti ha centrato la qualificazione anche la Cina, una delle più belle sorprese di questa coppa del mondo. La Germania è stata troppo discontinua, ha pagato il crollo fisico della Grun ma è stata anche l’unica squadra a battere gli Stati Uniti. Hanno deluso, invece, il Brasile e le campionesse d’Europa della Serbia dalle quali ci si attendeva di più. La coppa del mondo non finisce qui. Domenica scatta il torneo maschile. Forza azzurri.

Le azzurre vincono la World Cup 2011? Dì la tua nel Forum

Tutti i siti Sky