Caricamento in corso...
24 novembre 2011

World Cup, tutto facile per l'Italvolley: 3-0 alla Cina

print-icon
ita

Una fase della sfida fra Italia e Cina (foto dal sito della Fivb)

Dopo l'impresa contro il Brasile, i ragazzi di Berruto hanno superato agevolmente gli asiatici nel quarto incontro della manifestazione giapponese. Cinesi battuti in soli tre set: 25-10, 25-18, 25-14. Per l'Italia si tratta della terza vittoria nel torneo

Commenta nella pagina Facebook di Sky Sport

GUIDA TV: Segui Italia-Usa su Sky

FOTO
- L'Italvolley femminile vince la World Cup - Le azzurre del volley - il grande album del volley - le pallavoliste più sexy dell'ultimo Europeo

E' il turno della World Cup 2011 maschile, che assegnerà tre posti per il torneo olimpico di Londra 2012. Dopo la sconfitta con la Russia, il riscatto con l'Egitto e la vittoria sul Brasile, l'Italia di volley maschile ha sconfitto agevolmente la Cina (25-10, 25-18, 25-14).

di Tommaso Liguori

Ci sono partite che possono aiutare a sbloccare una squadra intera. Il successo contro il Brasile dello scorso martedì, è stato importante proprio sotto il profilo psicologico. Battere i campioni del mondo, dopo otto anni di astinenza, è servito a far capire all’Italia del volley di essere tornata competitiva a livello mondiale. E’ bastato quel fantastico tie-break, per dare le giuste motivazioni a tutto il gruppo in vista dei prossimi scontri diretti che varranno un posto per i giochi olimpici di Londra. Con questa nuova energia positiva e la carica agonistica giusta, gli azzurri di Mauro Berruto hanno battuto stamattina la Cina per 3 a 0 in poco più di un’ora.

Quando si affrontano le formazioni più deboli, il rischio è sempre quello di entrare in campo poco concentrati. L’Italia, invece, ha dimostrato fin dai primi scambi di essere in perfetta forma e di non voler sottovalutare la sfida contro gli asiatici. Ha forzato tantissimo in battuta riuscendo, così, a tenere lontana da rete la palla in attacco dei cinesi, che sono andati al massacro contro il muro degli azzurri. Nel primo set abbiamo realizzato 4 ace e tre punti con i nostri centrali contro le schiacciate dei nostri avversari. L’Italia ha vissuto un leggero periodo di stanca solo nella prima parte del secondo set, quando siamo calati in attacco dal 55 al 20%. E’ stato solo un piccolo sbandamento perché il nostro sestetto ha saputo reagire prontamente e, recuperando tre punti di svantaggio, è passato nuovamente a condurre 14 a 13. La partita è finita qui, senza cedere set ai nostri avversari: una componente da non sottovalutare visto il grande equilibrio in classifica. La nostra nazionale si è sciolta e ha chiuso agevolmente il secondo e terzo parziale dove si sono distinte anche le nostre riserve. Il miglior realizzatore è stato Zaytsev con 13 punti ma, oggi, il nostro riconoscimento è rivolto a Birarelli e Sabbi che hanno raggiunto quota 9 dietro Savani.

Il successo contro la Cina ci fa ben sperare per la sfida di domani contro gli Stati Uniti che hanno battuto l’Egitto in tre set. Vista la classifica, per gli americani la gara contro gli azzurri rappresenta una sorta di ultima spiaggia per riagganciare il treno del terzo posto. In caso di sconfitta, infatti, l’Italia allungherebbe il proprio vantaggio sugli Usa e resterebbe incollata alle prime tre.

Nel big match della quarta giornata tra Brasile e Russia è andato in scena un monologo dei sudamericani che hanno asfaltato i principali rivali per la vittoria del torneo con un 3 a 0 che non ammette repliche. La formazione di Bernardinho ha disputato tre set impeccabili in tutti i fondamentali mentre i russi che continuano ad alternare ottime prove a partite sconcertanti, sono apparsi irriconoscibili rispetto agli altri incontri. La Russia ha raccolto appena 57 punti commettendo 29 errori. Troppi per una sfida che rimescola le carte in classifica grazie anche al clamoroso successo dell’Iran contro la Polonia al tie-break nel derby in panchina tra Julio Velasco e Andrea Anastasi. Il Brasile, infatti, torna al comando a quota 10 insieme alla Polonia che ha letteralmente gettato al vento 2 punti che l’avrebbero proiettata al primo posto aumentando le proprie percentuali di qualificazione olimpica. La Russia è terza a 9 con una lunghezza di vantaggio sull’Italia e l’Argentina che salgono a 8.

Commenta la World Cup 2011 sul nostro Forum

Tutti i siti Sky