Caricamento in corso...
28 novembre 2011

Italvolley, pronto riscatto dopo Cuba: la Serbia piegata 3-1

print-icon

Alla World Cup, dopo il pesante ko contro Cuba (che ha proseguito il cammino positivo battendo il Brasile), gli azzurri superano i campioni d'Europa e tornano in corsa per uno dei tre posti disponibili per Londra 2012. VIDEO: IL COMMENTO DEL CT BERRUTO

FOTO - L'Italvolley femminile vince la World Cup - Le azzurre del volley - il grande album del volley - le pallavoliste più sexy dell'ultimo Europeo

L'Italia rialza la testa contro la Serbia dopo la pesante sconfitta in World Cup per mano di Cuba. La squadra di Mauro Berruto (il suo commento a Sky.it nel video d'apertura) ha chiuso il suo settimo impegno in Giappone con il risultato di 3-1 (25-20, 25-18, 22-25, 25-20). Contro la Serbia, l'Italia ha riscattato anche la finale persa all'ultimo Europeo. Gli azzurri riprendono così la marcia verso la qualificazione olimpica (tre sono i posti a disposizione per Londra 2012).

di Tommaso Liguori

La settima giornata della coppa del mondo di volley in Giappone, passerà alla storia per la “rivoluzione cubana”. I caraibici, infatti, dopo aver sconfitto nettamente l’Italia, ieri mattina, hanno proseguito il loro cammino positivo battendo oggi anche il Brasile. Cuba ha vendicato, così, la finale persa ai mondiali del 2010. Gli azzurri devono ringraziare per questo risultato perché, grazie al riscatto contro la Serbia, si sono riportati a ridosso del terzo posto in classifica valido per la qualificazione olimpica.

L’Italia ha vinto in quattro set grazie, soprattutto, a un super Lasko straordinario con 25 punti vincenti. Il nostro schiacciatore è risultato determinante già nel primo set che, dopo un inizio un po’ timoroso, abbiamo conquistato per 25 a 20. Nel parziale successivo, invece, è salito in cattedra Alessandro Fei che, con i suoi muri, ci ha trascinato a un facile 25 a 18. Sembrava fatta con un facile 3 a 0 tanto che Mauro Berruto ha deciso di lasciare spazio nel terzo set a Parodi e Birarelli. Gli azzurri, invece, si sono disuniti, hanno perso fluidità nel cambio palla e, nonostante una bella rimonta fino al 21 pari, non sono riusciti a capovolgere il punteggio lasciando la frazione ai propri avversari. Per fortuna, l’Italia si è ripresa subito e guidata dal solito Lasko ha strappato questa vittoria da tre punti con un meritato 3 a 1.

Nelle altre partite, come detto, Cuba ha battuto il Brasile 15 a 12 al tie-break trascinata, come sempre, dalla potenza fisica di Hernandez e Leon autori, rispettivamente, di 22 e 16 punti. E domani ci sarà lo scontro diretto tra i caraibici e Russia da non perdere assolutamente. Tutto facile, invece, per la Polonia contro gli Stati Uniti e per la Russia contro l’Argentina, prossima avversaria dell’Italia domani mattina. Sudamericani da non sottovalutare con uno dei migliori alzatori in circolazione: De Cecco.

In classifica, la Polonia resta al comando a quota 19 davanti alla Russia con 18 e al Brasile con 16. L’Italia è quarta a 14 con una migliore differenza set rispetto a Cuba. Questa coppa del mondo continua ad essere nelle mani dei polacchi che, aiutati dal calendario, hanno evitato, finora le squadre più forti. Probabilmente la vittoria del torneo e la qualificazione azzurra dipenderanno dallo scontro diretto con la squadra diretta da Andrea Anastasi in programma venerdì prossimo. La Polonia, poi, si giocherà tutto sabato e domenica con il Brasile e la Russia. Come si vede il bello deve ancora arrivare.

Commenta nella pagina Facebook di Sky Sport

Il cammino degli azzurri alla World Cup:

Cuba libre. L'Italvolley ubriacata in tre set
Azzurri, avanti così. L'Italvolley batte gli Stati Uniti
World Cup, tutto facile per l'Italvolley: 3-0 alla Cina
Impresa dell'Italvolley. Dopo 8 anni battuto il Brasile 3-2
Riscatto Italvolley maschile, gli azzurri battono l'Egitto
World Cup maschile, parte male l'Italia: vince la Russia
Il trionfo dell'Italvolley femminile alla World Cup

Tutti i siti Sky