Caricamento in corso...
29 novembre 2011

L'Italvolley non si ferma più: superato l'esame Argentina

print-icon

Battuta l'Argentina 3-1 nell'ottava giornata della World Cup di pallavolo. Gli azzurri salgono a quota 17 in classifica, raggiungendo momentaneamente il terzo posto nel torneo che vale la qualificazione olimpica. VIDEO: IL COMMENTO DEL CT BERRUTO

FOTO - L'Italvolley femminile vince la World Cup - Le azzurre del volley - il grande album del volley - le pallavoliste più sexy dell'ultimo Europeo

L'Italia ha battuto l'Argentina 3-1 (34-36, 25-20, 25-19, 25-20) in una partita della ottava giornata della World Cup di pallavolo. Grazie alla vittoria che vale tre punti, gli azzurri salgono a quota 17 in classifica, raggiungendo momentaneamente il terzo posto nel torneo che vale la qualificazione olimpica. Nel video d'apertura, il ct Mauro Berruto commenta il successo a Sky.it.

di Tommaso Liguori

E’ stata una bella vittoria ma sofferta. L’Italia ha battuto l'Argentina in quattro set e ha ottenuto quello che voleva: i tre punti in classifica. Un bottino d'oro che ci proietta al terzo posto in classifica grazie anche alla clamorosa battuta d’arresto del Brasile, sconfitto 3 a 1 dalla Serbia. Il segnale di una coppa del mondo dove regna un grande equilibrio e dove inizia ad affiorare la stanchezza delle squadra che non hanno avuto molto tempo a disposizione per preparare la spedizione giapponese. Tra le squadre apparse più affaticate c’è sicuramente l’Italia. Il calo fisico è emerso dopo il bel successo contro gli Stati Uniti. Una partita in cui abbiamo speso tante energia così come contro la Serbia e la stessa Argentina con cui abbiamo disputato un altro primo set infinito. Questi due giorni di riposo, quindi, arrivano al momento giusto per ricaricare le pile e preparare lo scontro diretto di venerdì contro la Polonia. La sfida del probabile dentro o fuori nella lotta per il terzo posto.

Contro l’Argentina abbiamo impostato la partita sul servizio. L’Italia ha cercato di forzare il più possibile la battuta per mettere in difficoltà l’alzatore sudamericano De Cecco, uno dei migliori al mondo per la distribuzione del gioco d’attacco con ricezione precisa. L’Italia, però, ha preso troppi rischi in questo fondamentale, commettendo, solo nel primo parziale, ben nove errori. Fatali con una difesa e un muro al di sotto della media. Gli azzurri hanno avuto a disposizione quattro set point; poi, sotto i colpi di Conte hanno ceduto 36 a 34.

Nel secondo parziale qualcosa è cambiato. La squadra di Mauro Berruto ha continuato a martellare in battuta ma correndo meno rischi. E’ riuscita a ricevere meglio e, soprattutto, ad alzare la soglia del proprio muro. Gli argentini si sono disuniti e piano piano hanno perso coraggio e la carica agonistica messa in campo nella prima frazione. L’Italia ha controllato con maggior calma la partita e, a parte un certo equilibrio nel secondo e terzo set, ha vinto abbastanza agevolmente il quarto. Ancora una volta Lasko è stato il migliore dei nostri con 24 punti ma è stato fondamentale pure l’apporto in attacco di Savani con 19 punti. Dopo un inizio difficile si è ripreso anche Zaytsev sostituito all’inizio da un impreciso Parodi.

In classifica comanda sempre la Polonia con 22 punti davanti alla Russia con 21 mentre l’Italia balza in terza posizione a 17 scavalcando di un punto un Brasile troppo discontinuo. Adesso la coppa del mondo si ferma per due giorni. Si riparte venerdì a Tokyo. L’Italia ha a disposizione 3 partite e 9 punti per cercare di conquistare il terzo posto. Se non commetteremo altri passi falsi gli azzurri saranno aritmeticamente qualificati per i giochi olimpici di Londra. Con la sconfitta del Brasile, ad opera della Serbia, siamo diventati arbitri del nostro destino perché i sudamericani potrebbero non raggiungerci più. Il grande scoglio è rappresentato dalla sfida contro la Polonia che affronteremo venerdì. Battendo la formazione allenata da Andrea Anastasi ipotecheremo il pass olimpico. Nelle ultime due giornate, infatti, avremo di fronte Giappone e Iran che sulla carta non dovrebbero impegnarci più di tanto.

"Sono contento per la vittoria, ora possiamo andare a Tokyo a cercare le affermazioni che ci regalerebbero la qualificazione per Londra. Abbiamo ancora le energie fisiche e nervose per lottare". Questo il commento di Mauro Berruto, ct degli azzurri, dopo la vittoria.

Il cammino degli azzurri alla World Cup:
Il riscatto dell'Italia contro la Serbia
Cuba libre. L'Italvolley ubriacata in tre set
Azzurri, avanti così. L'Italvolley batte gli Stati Uniti
World Cup, tutto facile per l'Italvolley: 3-0 alla Cina
Impresa dell'Italvolley. Dopo 8 anni battuto il Brasile 3-2
Riscatto Italvolley maschile, gli azzurri battono l'Egitto
World Cup maschile, parte male l'Italia: vince la Russia
Il trionfo dell'Italvolley femminile alla World Cup

Tutti i siti Sky