Caricamento in corso...
25 marzo 2012

Non solo Bovolenta: quanti lutti improvvisi nello sport

print-icon
bov

Vigor Bovolenta in campo. Il suo è stato purtroppo solo l'ultimo di tanti drammi dello sport

Tante morti assurde, come a volte capita nella vita di tutti i giorni, ma ancor più dolorose e incomprensibili per atleti che si presuppone in perfetta salute. Da Matsuda alla Senoner, da Dani Jarque a Antonio Puerta. Fino al povero Vigor, caduto in campo

La morte del pallavolista Vigor Bovolenta, ieri durante una partita di serie B2, riapre il triste capitolo delle morti improvvise degli sportivi. Scomparse assurde, come a volte capita nella vita di tutti i giorni, ma ancor più dolorosa e incomprensibile per un atleta che si presuppone in perfetta salute.

Giallo e tragedia nella morte, nell'agosto scorso, di Naoki Matsuda, 34 anni, difensore ed ex nazionale del Giappone: il calciatore nipponico, che con la maglia dei Blue Samurai aveva disputato il mondiale di casa del 2002, morto a due giorni dal ricovero d'urgenza dopo aver perso i sensi durante un allenamento con la sua squadra, il Matsumoto Yamaga.

Tragico il caso di Simona Senoner, azzurra di salto, morta a 17 anni nel gennaio 2011 per un improvviso malore mentre era in ritiro con le compagne di squadra in Germania: uno svenimento all'uscita dalla doccia, il tentativo di rianimarla, la corsa all'ospedale, la morte. Non mancano i precedenti analoghi, come la morte di Denis Zanette, ciclista di 33 anni accasciatosi al suolo dopo una seduta dal dentista, a Pordenone, e poi ricoverato in coma per un'altra lotta perdente con la morte, nel 2003. O ancora Dani Jarque, capitano dell'Espanyol stroncato da un infarto, nell'estate del 2009, nella sua stanza del ritiro di Coverciano, mentre era al telefono con la moglie. O la tragedia in piena notte di un altro ciclista Fabrice Salanson, crollato ai piedi del letto all'età di 23 anni, nel giugno 2003, alla vigilia del Giro di Germania.

La lista nera delle morti nello sport è purtroppo lunghissima, se si va nel campo dell'attività agonistica. Da Ferraris IV a Taccola, da Curi a Foè è spesso il calcio ha provocare lacrime e sgomento. Sconvolse tutta la Spagna la tragica storia di Antonio Puerta, giocatore della Nazionale e del Siviglia crollato in campo nel 2007 durante una partita col Getafe.

L'Italia aveva pianto, 30 anni prima, un suo calciatore famoso, Renato Curi, morto durante una Perugia-Juve. Lutto mondiale fu quello di Marc Foè, 28enne centrocampista del Camerun stroncato da un arresto cardiaco in una partita di Confederations Cup nel 2003. Per non parlare dei tanti casi di atleti dilettanti portati via alla vita e allo sport su un campetto di periferia. Famosi o anonimi, ma accomunati da un destino che sconvolge.

Tutti i siti Sky