Caricamento in corso...
25 novembre 2008

La General Motors lascia a piedi Tiger Woods

print-icon
tig

La crisi economica investe anche la "tigre" Woods. Rescisso con un anno d'anticipo l'accordo di sponsorizzazione con GM

La crisi economica si abbatte anche sul numero uno del golf. Rescisso con un anno di anticipo l'accordo da 7 milioni di dollari a stagione con il colosso dell'auto. L'agente del campione: "Decisione condivisa e maturata in un clima sereno"

COMMENTA LA NOTIZIA NEI FORUM

Verrà sciolto con un anno di anticipo il contratto multimilionario che lega il numero uno del golf mondiale Tiger Woods alla General Motors. I venti di crisi che si stanno abbattendo sull'economia americana hanno infatti costretto il colosso dell'auto a rinunciare al suo sponsor di punta, per tagliare le spese e contenere i costi dell'azienda. La collaborazione con il campione di golf, che sarebbe dovuta durare fino al 2009 e prevede un compenso annuo di 7 milioni di dollari, si concluderà dunque alla fine dell'anno.

L'agente di Woods rende noto che la rescissione anticipata del contratto è avvenuta in un clima di accordo reciproco e di assoluta serenità, dal momento che anche Tiger, in attesa del secondo figlio e costretto ad un fermo per l'intervento al ginocchio subìto dopo la vittoria degli Open di golf della scorsa stagione, iniziava a maturare l'esigenza di dedicare più tempo alla famiglia e alla propria vita privata.

Stando a quanto dichiarato da Mark LaNeve, vice presidente delle vendite di GM in Nord America, la fine della collaborazione sarebbe già stata nell'aria dall'inizio dell'anno e non avrebbe nulla a che vedere con il prestito da 25 miliardi di dollari all'azienda da parte del governo federale.  Il numero uno del golf, che per anni ha sponsorizzato i prodotti GM in giro per il mondo e in particolare il marchio Buick, fa sapere che in virtù dell stima che lo lega all'azienda per il futuro non esclude la possibilità di altre collaborazioni.

Tutti i siti Sky