Caricamento in corso...
25 settembre 2009

Ciclismo.Tra l’Italia e il poker Mondiale c’è solo la Spagna

print-icon
ita

Gruppo forte e unito. L'Italia del ciclismo punta al poker a Mendrisio

Dopo i trionfi di Bettini (2006 e 2007) e Ballan (2008) gli azzurri sognano il quarto successo consecutivo. Pozzato, Garzelli e Basso: "E' una corsa impegnativa in cui sembra di stare sempre in salita e gli iberici sono uno squadrone". GUARDA IL VIDEO

IL PROGRAMMA DEI MONDIALI DI CICLISMO

COMMENTA NEL FORUM DEL CICLISMO

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SKY SPORT


"C'è una bella atmosfera, siamo tranquilli. Abbiamo già vinto tre mondiali perciò saranno gli altri a doversi preoccupare, no?". Sorride Bettini nel verde del parco di Villa Cagnola sede del ritiro della nazionale di ciclismo a Gazzada una manciata di chilometri da Varese. Da qui è partita, nel 2006, la spedizione per Salisburgo dove il Grillo conquistò il suo primo mondiale, bissato l'anno successivo a Stoccarda e coronato dal trionfo di Ballan lo scorso anno proprio su queste strade. Sorride Bettini e sorridono tutti gli azzurri, nella speranza che il ciclo non si chiuda, ma che anzi prosegua con uno storico poker a Mendrisio.

Il morale è alto, il gruppo omogeneo: "Pippo" Pozzato scherza a colazione con Scarponi, Bruseghin è come al solito sorridente e disponibile con tutti, Cunego, nonostante le pressioni del favorito designato, si prepara all'uscita mattutina scherzando con Ballan, campione uscente, "emozionato ma non ossessionato dal risultato", a cui spera segretamente di strappare la maglia iridata domenica a Mendrisio.

"Ogni tanto ci scherziamo su". Fa spallucce il Piccolo Principe veronese, "ma domenica deciderà la strada: 262km, con 2 salite da ripetere per 19 volte, fanno selezione da sole". Bettini, che pedala al fianco degli ex compagni di nazionale, gli fa eco: "E' una corsa in cui sembra di stare sempre in salita, con pochissimi momenti di recupero". Di tattica non si è ancora parlato "ma", sottolineano Garzelli, Pozzato e Basso "un percorso così nervoso va aggredito. Se rimani indietro è difficilissimo recuperare, si sprecano tante energie e su un tracciato del genere rischi di pagare a caro prezzo un errore simile". Proprio Ivan Basso ha ricevuto un in bocca al lupo speciale, quello della varesina Noemi Cantele, argento mondiale nella prova a cronometro femminile e attesissima sabato nella prova su strada.

I rivali segnati sul taccuino? A una sola voce: "La Spagna, con Valverde e Sanchez in prima fila, è uno squadrone. E occhio anche a Cancellara, che corre in casa, Gesink, Gilbert... Tra gli outsiders Boasson Hagen, giovane e già così forte". Poi, ovviamente, sarà la strada a dire chi sarà l’erede di Ballan.
M.V.

Tutti i siti Sky