Caricamento in corso...
07 novembre 2009

Doping, appello del Papa: dite no, lo sport è ben altro

print-icon
spo

Appello del Papa contro il doping: "Lo sport va praticato con passione e senso etico"

Benedetto XVI, durante un seminario, ricorda che la Chiesa sostiene lo sport, che aiuta lo sviluppo integrale della persona: "Evitate ogni tendenza che possa snaturarlo e danneggiare l'organismo"

La Chiesa sostiene lo sport, che aiuta lo "sviluppo integrale della persona", ma invita ad evitare "ogni tendenza che ne snaturi la natura stessa con il ricordo a pratiche persino dannose per l'organismo, come avviene nel caso del doping": lo ha affermato papa Benedetto XVI in un suo messaggio rivolto al presidente del Pontificio consiglio per i laici, card.Stanislaw Rylko, e ai partecipanti ad un seminario su sport, educazione e fede in corso a Roma.

"Lo sport - ha detto il pontefice - possiede un notevole potenziale educativo soprattutto in ambito giovanile" e per questo "è necessario che, in questa nostra epoca, in cui si avverte urgente l'esigenza di educare le nuove generazioni, la Chiesa continui a sostenere lo sport per i giovani, valorizzando appieno anche l'attività agonistica nei suoi aspetti positivi, come, ad esempio, nella capacità di stimolare la competitività, il coraggio e la tenacia nel perseguire gli obbiettivi, evitando, però, ogni tendenza che ne snaturi la natura stessa con il ricorso a pratiche persino dannose per l'organismo, come avviene nel caso del doping".

L'argomento era già stato toccato da Benedetto XVI in occasione dell'ultimo Tour de France, passato quest'anno a pochi chilometri dalla località aostana di Les Combes d'Introd dove il Papa ha trascorso un periodo di riposo. Di ritorno da quel soggiorno, aveva anche incontrato alcuni partecipanti ai Mondiali di nuoto, allora in corso a Roma, invitandoli a praticare lo sport "con passione e vigile senso etico".

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SKY SPORT

COMMENTA NEL FORUM ALTRI SPORT

Tutti i siti Sky