04 dicembre 2009

Ciclismo, Bettini nei guai: deve 11 milioni al fisco

print-icon
pao

Guai in vista per Paolo Bettini: deve 11 milioni di euro al fisco

Il due volte campione del mondo e medaglia d'oro olimpica, secondo quanto accertato dalla Guardia di Finanza, avrebbe evaso il fisco per quasi 11 milioni di euro: il ciclista avrebbe trasferito fittiziamente la residenza nel Principato di Monaco

COMMENTA NEL FORUM DEL CICLISMO

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SKY SPORT
 

E' il due volte campione del mondo di ciclismo e medaglia d'oro olimpica Paolo Bettini lo sportivo che, secondo quanto accertato dalla Guardia di Finanza, avrebbe evaso il fisco per quasi 11 milioni di euro. Secondo quanto si è appreso dalla stessa Gdf, il ciclista avrebbe trasferito fittiziamente la residenza nel Principato di Monaco allo scopo di sottrarre a tassazione i redditi percepiti. Bettini ha vinto i Mondiali di ciclismo dei professionisti su strada nel 2006 e 2007 e l'oro olimpico ad Atene 2004.

I precedenti nello Sport - Non c'è solo Paolo Bettini, con 11 milioni di euro evasi, nel mirino del fisco, ma anche altri sportivi che hanno avuto a che fare con le indagini delle fiamme gialle per la mancata denuncia dei redditi e evasione fiscale internazionale. Ad iniziare dall'ultima indagine in ordine di tempo, settembre 2009, che ha visto coinvolti il ciclista Davide Rebellin e il pilota di formula uno Vitantonio Liuzzi, che ha trasferito la propria residenza in Inghilterra. Non si dimentica di certo la vicenda di Valentino Rossi, e della sua residenza londinese: il fisco contestò al pluricampione di motociclismo un imponibile non dichiarato di 60 milioni di euro per gli anni 2000-04, poi risanato. O quella del campione dello sci Alberto Tomba che risanò la sua posizione pagando dieci miliardi di lire, risanando così i debiti.

Altri motociclisti celebri indagati dal fisco sono stati Loris Capirossi, a cui l'agenzia delle entrate contestò 12 milioni di euro non dichiarati fino al 2002; e Max Biaggi, anche lui residente a Monaco. Mentre, nel mondo del calcio, il più perseguitato risulta senz'altro Diego Armando Maradona, attuale ct dell'Argentina, al quale sono stati pignorati di recente orecchini e orologi: l'evasione contestata dell'ex stella del Napoli è di 30 milioni di euro circa per il mancato versamento dell'Irpef dall'85 al 90.

Paradisi fiscali, Rebellin e Liuzzi tra i presunti evasori 


Ancora guai per Rossi. Il commercialista: ci deve dei soldi 


Il fisco alleggerisce Maradona: pignorati orecchini da 4000€

Tutti i siti Sky