04 gennaio 2010

Snowboard, Kevin Pearce si sveglia e sorride

print-icon
kev

Kevin Pearce in azione lungo uno spettacolare pendio

Cinque giorni di paura in cui angoscia e preoccupazione hanno accompagnato la convalescenza del fuoriclasse americano, vittima di un terribile incidente. Vancouver lo aspetta, lui prova a rimettersi in sesto. GUARDA IL VIDEO: KEVIN IN AZIONE

LO SPECIALE OLIMPIADI

UN ANNO DI SPORT, LO SPECIALE 2009

Cinque giorni di paura, 5 giorni in cui angoscia e preoccupazione hanno accompagnato la convalescenza di Kevin Pearce. Il 31 Dicembre: un giorno come un altro, l'ultimo giorno dell'anno, che segnava l'ingresso ufficiale nell'Olimpiade di Vancouver 2010, in cui Kevin è il favorito.

Si stava allenando, come ogni giorno quando un salto affrontato male, forse per distrazione, o forse, con l'intenzione di andare oltre, l'ha condotto all'ospedale dell'Utah con un forte trauma cranico: un esteso versamento andava drenato immediatamente per evitare conseguenze irreparabili.



L'ennesimo incidente sulla neve. Ne parliamo da tempo ormai, il tasso di rischio negli sport invernali aumenta, il consiglio della FIS si sta impegnando per risolvere il problema. Kevin è un esempio. Risolto in modo positivo: questa mattina si è svegliato dal coma farmacologico indotto dopo l'operazione, quando ormai sembrava ci dovessimo preparare al peggio.

Un gruppo Facebook, seguito ora per ora dal padre di Kevin, informa tutti gli amici e i tifosi dei suoi progressi. Sta meglio, non è ancora in grado di rispondere ai messaggi, ma sorride compiaciuto di tutto l'affetto ricevuto in questi giorni. Tornerà in pista? Lo sapremo presto. Intanto seguiremo con interesse il suo recupero…Vancouver lo aspetta.

Tutti i siti Sky