22 luglio 2010

Sciabola femminile di bronzo. E sono 10 le medaglie italiane

print-icon
sch

L'Italia ha conquistato il bronzo nella sciabola femminile

A Lipsia le azzurre conquistano il 3° posto nella sciabola a squadre. L'Italia chiude così gli Europei di scherma con un ottimo bottino: 10 medaglie di cui 5 d'oro, 2 d'argento, 3 di bronzo e primo posto nel medagliere e nella coppa delle Nazioni

COMMENTA NEL FORUM ALTRI SPORT

L'Italia conquista il bronzo nella sciabola femminile a squadre e chiude gli Europei di scherma di Lipsia con un bottino di dieci medaglie: cinque d'oro, due d'argento e tre di bronzo, primo posto sia nel medagliere che nella coppa delle Nazioni. Dopo essere state sconfitte dalla Russia in semifinale, le sciabolatrici azzurre Ilaria Bianco, Gioia Marzocca, Irene Vecchi ed Alessandra Lucchino hanno superato l'Ungheria per 45-40 nella finale per il terzo posto, confermando così il risultato del 2009.

"Queste sono ragazze che possono andare ben oltre a questo terzo posto", dice a caldo Lucio Landi che ha sostituito a bordo pedana il ct Giovanni Sirovich, costretto a rimanere a casa per via di un brutto infortunio. "Oggi sono state artefici di magnifiche prestazioni. La sconfitta con la Russia brucia un po', ma la componente arbitrale è uno degli elementi fondanti di questo sport e le loro ricostruzioni vanno accettate". Fa eco, da Roma, Giovanni Sirovich. "Mi hanno regalato un'emozione - dice il ct -. Io sono consapevole del loro valore altissimo e di come abbiano la possibilità di giocarsi le vette mondiali di questa disciplina. Devono solamente essere ancora più consapevoli delle loro potenzialità. Il resto verrà da sè".

Nell'ultima gara di questi Europei, l'Italia di spada maschile ha chiuso al quinto posto, battuta nell'assalto dalla Svizzera di misura, 43-42 al minuto supplementare, nell'assalto valido per i quarti di finale. Poi gli azzurri Matteo Tagliariol, Alfredo Rota, Paolo Pizzo ed Enrico Garozzo hanno superato la Russia 45-37 e, per il quinto posto, la Francia per 45-38. "C'è grande rammarico, e va ammesso - sono le parole del Commissario tecnico, Sandro Cuomo -, perché questa è una squadra che vale le prime posizioni. Adesso bisogna lavorare, reimpostare e guardare in prospettiva a Rio 2016. Innanzitutto dovremo evitare che si subiscano condizionamenti o che si salga in pedana senza essere consapevoli del proprio valore. Con la Svizzera si poteva vincere e non pensare all'ultima stoccata. Bisognava prendere il largo prima. Comunque pensiamo da subito ai Mondiali di Parigi, dove speriamo di prenderci una rivincita".

Guarda anche:
Europei di scherma, un oro e un argento per l'Italia
Scherma, Italia d'Oro agli Europei di Lipsia
Europei scherma: Bianco a medaglia nella sciabola
Europei di scherma: oro a Baldini, Aspromonte d'argento
Scherma, è sempre "ValeOro": Vezzali sul tetto d'Europa

Tutti i siti Sky