12 agosto 2010

Strepitosa Pellegrini, è bronzo all'esordio negli 800sl

print-icon
fed

Il Phelps al femminile. Federica Pellegrini ha dato spettacolo anche negli 800sl agli Europei di Budapest, conquistando uno strepitoso bronzo alle spalle della danese Friis e la francese Cyrielle Etienne (foto ap)

Agli Europei, con una grande rimonta, la veneta batte nel rush finale per il podio la Murphy: "Questa medaglia è molto importante, ho sempre odiato questa prova". Oro alla Friis. Altre finali: quarto Pizzamiglio, settimi Beni e Segat, sesto Giorgetti

Guarda le foto di tutte le medaglie azzurre

Guarda le foto di tutti i protagonisti di Budapest 2010


Federica Pellegrini ha vinto la medaglia di bronzo negli 800 stile libero femminili agli Europei di Budapest. L'azzurra ha chiuso in 8'24"99 nella gara vinta dalla danese Lotte Friis (8'23"27) davanti alla francese Ophelie Cyrielle Etienne (8'24"00). La Pellegrini ha virato al secondo posto dopo i primi 100 metri, nella scia della Friis, l'unica ad archiviare le 2 vasche iniziali in meno di un minuto. L'azzurra è passata al quarto posto ai 200 metri (2'03"62) ed è scesa al quinto dopo 6 vasche (3'07"27), a circa 0"8 dalla capofila. A metà gara, la Pellegrini ha agganciato in quarta posizione la britannica Rebecca Adlington.
La Friis ha allungato ulteriormente ai 500 metri ipotecando l'oro e lasciando alla concorrenza la lotta per le altre medaglie. La Pellegrini ha aumentato progressivamente il ritmo e nelle ultime 2 vasche ha recuperato fino ad arpionare il bronzo, soffiato per soli 5 centesimi all'irlandese Grainne Murphy.

"Sono molto contenta". Federica Pellegrini è raggiante dopo la medaglia di bronzo vinta negli 800 stile libero agli Europei di Budapest. L'azzurra ha conquistato il gradino più basso del podio in una gara appena inserita nel suo programma. "Devo dire la verità, pensavo che gli 800 potessero venirmi molto più facilmente. Non credevo di trovare tante difficoltà, quindi questo risultato è una grandissima soddisfazione. E' una nuova sfida: ho detto che non avevo pressione, ma in realtà un po' ce n'è sempre", dice la Pellegrini. "Ad un certo punto mi si è riempito d'acqua l'occhialino sinistro. Seguivo la Adlington, cercavo di fare la mia gara. Volevo tenere nella prima metà e aumentare nella seconda. Negli ultimi 100 metri ho dato tutto", aggiunge. "Questa medaglia è molto importante, come lo sono state le prime nei 400 e le primissime, da bambina, nei 200. Ho sempre 'odiato' questa prova, riuscire a portare a casa una medaglia mi rende molto felice", aggiunge. "Nelle mie due gare sono pronta a dare il massimo: non mi piace fare pronostici, ma sono le mie gare. Ora comincerò a divertirmi un po' di più". Domani sono in programma i 200 stile libero.

Le altre finali - L'ungherese Katinka Hosszu ha vinto la medaglia d'oro nei 200 misti femminili. La Hosszu ha nuotato con il tempo di 2'10"09 mettendosi alle spalle la connazionale Evelyn Verraszto (2'10"10) e la britannica Hannah Miley (2'10"89). L'italiana Francesca Segat si è piazzata al settimo posto con 2'15"08. E’ ungherese anche l’oro dei 200 rana uomini. Daniel Gyurta ha trionfato in 2'08"95 davanti al norvegese Alexander Dale Oen (2'09"68) e al francese Hugues Duboscq (2'11"03). L'italiano Edoardo Giorgetti ha chiuso la gara al sesto posto con 2'11"99. Pawel Korzeniowski ha vinto la medaglia d'oro nella finale dei 200 farfalla uomini. Il polacco ha trionfato in 1'55"00 davanti al russo Nikolay Skvortsov (1'56"13) e al greco Ioannis Drymonakos (1'57"10). L'italiano Niccolò Beni ha terminato la gara al settimo posto in 1'58"67. Parla britannico la finale dei 100 dorso femminili. Dopo i 100 Camille Lacourt si prende l’oro anche nei 50 dorso. Il francese ha vinto con il tempo di 24"07 davanti al britannico Liam Tancock (24"70) e all'israeliano Guy Barnea (25"04). L'italiano Stefano Mauro Pizzamiglio ha chiuso al quarto posto con 25"13. Gemma Spofforth ha vinto la medaglia d'oro (59"80) mettendosi alle spalle la connazionale Elizabeth Simmonds (1'00"19) e la tedesca Jenny Mensing (1'00'72). Nell’ultima gara di giornata l'Ungheria ha conquistato la medaglia d'oro nella staffetta 4x200 stile libero donne. Argento alla Francia, bronzo alla Gran Bretagna.

Sorridono i velocisti
- Luca Dotto e Filippo Magnini si sono qualificati per la finale dei 100 stile libero agli Europei di Budapest. Dotto ha nuotato in 48"94 ottenendo il sesto tempo delle semifinali mentre Magnini è entrato in finale con il settimo tempo (48"97). "Era un po' che non facevo una gara di questo livello. Avverto un po' di stanchezza, ma è normale. Sono passato un po' troppo forte ai 50 metri, ho usato un po' troppo le gambe nella prima vasca. Ora abbiamo un giorno per recuperare". Filippo Magnini archivia così la semifinale dei 100 stile libero agli Europei di Budapest. "Sono entrato in finale con il settimo tempo, quindi sono in corsia 1. Nella seconda vasca non vedrò nessuno, pazienza. Tanto, in finale bisogna tirare al massimo e basta. Penso che le medaglie si giochino con tempi di 48"7", dice l'ex campione del mondo.

Nelle altre gare della quarta giornata sono tornati in acqua per gli 800 stile libero Samuel Pizzetti, bronzo ieri nei 1500, e Federico Colbertaldo, quarto nella stessa gara. Tutti e due si sono qualificati per la finale di domani e stavolta Colbertaldo ha fatto meglio chiudendo con il quinto tempo (7'58"32), mentre Pizzetti passa con l'ottavo (8'00"10). Decimo l'altro azzurro Andrea Busato. Chiara Boggiatto si è qualificata per la finale dei 200 rana femminili. L'italiana ha nuotato in 2'27"98 facendo segnare il quinto tempo complessivo delle semifinali mentre Caterina Giacchetti non è riuscita a qualificarsi per la finale dei 100 farfalla, il suo 59"65 è stato solo il 12° tempo totale delle semifinali.

L'intervista. Super Pellegrini: "A Londra farò 100, 200, 400 e 800sl"


Guarda l'album: Federica Pellegrini una reginetta in vasca


Commenta nel forum altri sport

Tutti i siti Sky