07 ottobre 2010

Giochi del Commonwealth, bagni intasati dai preservativi

print-icon
ind

Altra tegola sui Giochi del Commonwealth. Questa volta sono i bagni degli atleti ad avere problemi (Getty)

A New Delhi i problemi sono all'ordine del giorno. Dopo il cobra nel campo da tennis, è il momento dei wc del villaggio, otturati dai preservativi regalati gratuitamente agli atleti. E, come se non bastasse, un virus ha contaminato le acque di una piscina

Commonwealth, in India i Giochi della malasorte

Nuova grana ai Giochi del Commonwealth di New Delhi, ma stavolta non dipende dagli organizzatori. Gli idraulici sono al lavoro per sturare molti wc del villaggio degli atleti, intasati dai preservativi gettati dopo l'uso. Gli organizzatori hanno offerto gratuitamente 8mila profilattici e gli sportivi hanno già fatto incetta di più della metà. Quella di offrire preservativi gratis agli atleti è una consuetudine che risale alle Olimpiadi di Barcellona del 1992. Ai Giochi di Pechino del 2008 ne erano stati distribuiti più di 100mila.

Ma non è l'unico problema che preoccupa gli organizzatori. C'è n'è uno ancora più grave. Sembra infatti che l'acqua di una piscina di allenamento sia stata contaminata da un virus che ha colpito 15 nuotatori allenatisi in quell'impianto. Il capitano della squadra inglese ha segnalato che il 20 per cento degli atleti che si sono allenati in quell'impianto, tra cui Rebecca Adlington e Fran Halsall. Anche l'Australia ha reso noto che sei nuotatori sono malati.

"Dobbiamo risolvere immediatamente questo problema. Se c'è qualcosa che non è sicuro, non si può nuotare in quell'acqua", ha detto il presidente della Federazione dei Giochi del Commonwealth Mike Fennell.

Tutti i siti Sky