13 aprile 2011

Pellegrini in forma Mondiale: titolo e pass per Shanghai

print-icon
fed

Federica Pellegrini vola nei 400 sl a Riccione (Ansa)

La campionessa veneta ha conquistato la gara dei 400 sl agli Assoluti Primaverili di Riccione, centrando la qualificazione per la rassegna iridata cinese con il tempo di 4'03"49, il secondo migliore dell'anno: "Sono molto contenta". L'ALBUM

Un'italiana a Parigi: le prime foto francesi di Federica Pellegrini

Sfoglia l'album di Federica Pellegrini

Primo titolo e pass mondiale per Federica Pellegrini agli Assoluti di Riccione. La parentesi francese sotto la guida di Philippe Lucas ha fatto bene alla campionessa del nuoto azzurro, che alla prima occasione importante e sui 400, la gara che da sempre la mette un po' in ansia, e' andata come un treno chiudendo in 4'03"49, tempo, il secondo migliore dell'anno dietro al 4'02"84 dell'inglese Rebecca Adlington, che la catapulta immediatamente al torneo iridato di luglio a Shanghai.

L'olimpionica ha praticamente nuotato da sola, staccando nettamente la seconda, Martina Di Memme che ha fatto fermare il crono in 4'12"05. "Sono molto contenta - ha detto la Pellegrini - e' migliore del tempo fatto lo scorso anno. E poi non e' facile nuotare da soli, non hai il pungolo soprattutto negli ultimi 200". E poi sono sempre i 400 stile, la distanza che spesso ha messo in crisi la regina del nuoto italiano: "E' la gara piu' difficile, giusto levarsela subito come accadra' ai mondiali in Cina e poi alle Olimpiadi. In acqua ho avvertito buone sensazioni e un'ottima reazione in virata e in fase subacquea. Sono al primo test con Philippe dopo il duro lavoro svolto e i primi risultati sono positivi".

Ed e' soddisfatto anche l'allenatore francese, solito look stravagante, ma aria decisamente serena. "Il tempo e' in linea con le tabelle di avvicinamento ai Mondiali. Mi aspettavo nuotasse in 4'03 - dice Lucas -. Federica sta reagendo bene ai carichi e alla tipologia di lavoro. E' un piacere lavorare con una campionessa che desidera superare sempre i propri limiti. L'obiettivo, ovviamente, è vincere ai Mondiali i 200 e 400 stile e gradualmente inserire nel suo programma 800, 100 o entrambe le gare, ma sempre e solo per nuotarle ad altissimo livello. Penso che Federica possa nuotare molto più velocemente. La sua e' stata una performance corretta, non nuotava da parecchi mesi su questa distanza in vasca lunga, possiamo essere contenti di come sta andando. E' importante rimettersi nel ritmo della competizione, a lei fa bene nuotare tanto".

E certo a Riccione la campionessa di Spinea non si risparmiera' visto che e' attesa da un bel tour de force: giovedì torna in vasca per i 100, poi sara' la volta dei 200 e a chiudere, domenica, gli 800. Intanto la prima giornata di gare a Riccione sorride anche ad altri azzurri: Luca Dotto vince i 100 stile in 48"58 (passaggio 25"25), vola ai mondiali e batte Filippo Magnini che chiude al secondo posto in 49"10. Va a Shanghai anche la staffetta 4X100 con una somma tempi inferiore al richiesto limite di 3'17"50. Grande prova anche quella di Samuel Pizzetti che vince gli 800 sl in 7'49"79, al di sotto del tempo limite di 7'54"20.    

Guarda anche:
Dale Oen, il Vichingo buono che ha scelto il nuoto

Tutti i siti Sky