29 aprile 2011

Lucas: non è facile costruire la sintonia con la Pellegrini

print-icon
luc

Philippe Lucas tra Federica Pellegrini e Luca Marin. Il tecnico francese è famoso per i suoi metodi di allenamento poco convenzionali (Getty)

Sveglia alle 5 del mattino, ripetizioni da 5x1000m e fino a 19 km in vasca al giorno, sono questi i metodi del nuovo tecnico della stella del nuoto azzurro che ammette: "Io e Federica abbiamo ancora moltissimo da scoprire l'uno dell'altro"

Sfoglia l'album di Federica Pellegrini

Sveglia alle cinque del mattino, esercizi a secco, ripetizioni di 5x1000 e fino a 19 chilometri di vasca al giorno, questo è il metodo Philippe Lucas, l'allenatore di Federica Pellegrini, che si racconta su 'Max' in edicola dal 3 maggio. "La sveglia alle cinque non ha mai ucciso nessuno - dice Lucas - la sofferenza è importante in allenamento. Fondamentale per resistere quando la gara comincia a bruciare, per fare ancora uno sforzo e vincere. Al posto di Federica, a certe mie richieste, altre sarebbero uscite dalla vasca per prendere del Prozac".

Lucas ha una ossessione, la vittoria: "Esistono il secondo e il terzo posto, ma tu devi vedere solo il primo. Non sono un invasato so però che per raggiungere i titoli bisogna prendere le cose seriamente". Lucas non è uno che le manda a dire soprattutto alla stampa "Io me ne fotto dei giornalisti dico quello che penso, faccio quello che credo bene Il mio compito è proteggere Federica".

Sul loro rapporto e su di lei aggiunge: "Federica è una determinata ma non è facile costruire la sintonia. Abbiamo ancora moltissimo da scoprire l'uno dell'altro ed è soprattutto in occasione delle gare che ci si avvicina davvero...". Rispetto alla sua precedente pupilla Laure Manaudou è lapidario: "E' il passato".

Guarda anche:

Pellegrini scatenata, cala il tris con i 200 sl
Dale Oen, il Vichingo buono che ha scelto il nuoto

Commenta nel Forum degli Altri Sport

Tutti i siti Sky