10 giugno 2011

Dramma nell'atletica: è morto Cosimo Caliandro

print-icon
cos

Cosimo Caliandro vinse l'oro nei 3000 metri degli European Athletics Indoor Championships tenuti a Birmingham nel 2007

Il 29enne delle Fiamme Gialle, campione d'Europa dei 3000 metri indoor a Birmingham nel 2007, è rimasto vittima di un incidente stradale a Francavilla Fontana, perdendo il controllo della sua moto. Lascia la moglie e due figli. VIDEO

Il mezzofondista Cosimo Caliandro, 29 anni, medaglia d'oro nei 3.000 metri agli Europei indoor del 2007 di Birmingham, è morto in un incidente stradale avvenuto a Francavilla Fontana, nel brindisino. L'atleta azzurro, militare della Guardia di finanza, era a bordo della sua moto, una Yamaha R6, e percorreva la zona 167, quartiere in cui ha sempre vissuto. Stando ai rilievi dei vigili urbani intervenuti sul posto, Caliandro avrebbe frenato di colpo e avrebbe perso il controllo della moto che è scivolata sull'asfalto per circa 25 metri. L'atleta è finito contro il paraurti posteriore di un autoarticolato parcheggiato sul ciglio della strada ed è rimasto schiacciato tra la sua moto e l'altro mezzo. Caliandro è deceduto sul colpo, per schiacciamento del torace e frattura del collo.
Lascia la moglie Graziella e i figli Damiano e Cristian. In segno di lutto il XII Memorial Nebiolo, in corso di svolgimento a Torino, si è aperto con un minuto di silenzio.

Cosimo 'Mimmo' Caliandro era nato l'11 marzo del 1982 a Francavilla Fontana. Si mise subito in luce nel '97, quando era ancora cadetto e militava nella Nuovatletica Francavilla con il tecnico Piero Sternativo: stabilì le migliori prestazioni nazionali della categoria sui 1000 (2'29"7) e sui 2000 metri (5'32"8). Passato alle categorie agonistiche, nell'Atletica Sud Puglia, aveva mantenuto le promesse, togliendo a Stefano Mei un antico primato allievi dei 1500 (3:45.62 nel '99, stagione nella quale il brindisino fu pure finalista ai Mondiali under 18 di Bydgoszcz) e poi conquistando l'oro agli Europei juniores di Grosseto 2001 con un'imperiosa progressione finale.

Tutti i siti Sky