16 giugno 2011

Golf, tre azzurri al via degli Us Open. Assente Tiger Woods

print-icon
mat

Matteo Manassero e Francesco Molinari, due dei tre azzurri al via agli Us Open. Con loro anche Edoardo Molinari (Foto Getty)

Matteo Manasseo e i fratelli Molinari puntano a raggiungere la fase finale, per giocarsela poi alla pari con i migliori al mondo. Per la prima volta negli ultimi anni, il torneo parte senza l'ex numero 1. Tutte le giornate live su Sky Sport

FOTO: Manassero, il baby fenomeno per un giorno a Sky.it

Per la prima volta negli ultimi anni l'Us Open di golf, uno dei tornei più antichi al mondo (1895) prende il via senza Tiger Woods. L'ex numero 1 al mondo, vincitore del torneo nel 2000, 2002 e 2008, ha annunciato sul suo sito di dover rinunciare alla competizione a causa di un dolore alla gamba.

L'Italia punta, come sempre, su Matteo Manassero e sui fratelli Edoardo e Francesco Molinari. Il giovane veronese a 18 anni debutta nel suo primo Us Open, i fratelli Molinari sono invece al loro terzo Us Open. Reduci da un dignitoso Italian Open (Manassero e Francesco Molinari si sono classificati ottavi), gli italiani puntano a raggiungere la fase finale, per giocarsela poi alla pari con i migliori al mondo.

L'Europa sbarca in America con un folto gruppo di aspiranti campioni. In prima linea il numero 2 del ranking mondiale, l'inglese Lee Westwood, recente vincitore degli ultimi tornei in Indonesia e Corea del Sud ma ancora alla ricerca della prima vittoria in un torneo del grande slam; poi l'attuale numero 1 della classifica mondiale, il connazionale Luke Donald, che cerca invece la sua prima vittoria in un Us Open, così come il tedesco Martin Kaymer, vicnitore dell'ultimo Pga e n.3 in classifica.

Tra i giocatori europei, molto atteso anche il nordirlandese Rory McIllroy, 22 anni. Sui campi di Bethesda, alle porte di Washington, conta di dimostrare di aver dimenticato la figuraccia rimediata agli ultimi Masters di Augusta, in Georgia, quando era saldamente in testa al torneo e perse tutto all'ultimo round, gettando al vento un'occasione unica. "Ho cercato di trattenere il positivo di quell'esperienza, e di dimenticare il resto" ha commentato.

Gli Stati Uniti, seppur orfani di Tiger Woods, puntano ancora una volta su Phil Mickelson. Nelle passate edizioni, l'americano in ben nove occasioni ha terminato nei primi dieci, per sette volte è finito nei primi cinque, per quattro volte è finito secondo. Ma non ha mai vinto. Agli ultimi Masters di Augusta ha deluso. Conta di rifarsi a Bethesda, in Maryland.

Il torneo su Sky- Tutte le quattro giornate di gara dell’US Open saranno trasmesse in diretta e in esclusiva, anche in Alta Definizione, su Sky Sport 2. Uno Studio Golf di 15 minuti, in onda tutti i giorni, anticiperà e introdurrà le giornata di gara. La conduzione sarà affidata a Giovanni Bruno.

Tutti i siti Sky