30 luglio 2011

Fenomenale ma Dotto: Luca è argento nei 50 sl a Shanghai

print-icon
dot

E' nata una stella. Tutta la gioia di Luca Dotto con il suo argento sul podio dei 50 sl, con Cielo e Bernard, a Shanghai (Getty)

Ai Mondiali arriva un’altra perla per l’Italia con l’azzurro che chiude alle spalle del brasiliano Cielo. La Pellegrini dice addio a Marin: "Quando una storia finisce si soffre, lui non è sereno". Terzo oro per Phelps nei 100 farfalla

Le medaglie azzurre - Nuoto: strepitosa Italia. Fede oro, Scozzoli argento - Federica Pellegrini oro nei 400 sl - L'argento di Fabio Scozzoli nei 100 rana - Il bronzo di Alice Franco - Sul podio Tania Cagnotto e Martina Grimaldi

Approfondimenti -
Biedermann si racconta a Sky.it - Nuoto, Mondiali al via: così si preparano Cavic e compagniMagnini-Dotto, guarda l'intervista doppia - Scozzoli: se vinco ho una sorpresa per sky.it

FOTO - L'album dei Mondiali di nuoto 2011

Non smette di stupire l'Italia del nuoto a Shanghai. Luca Dotto ha infatti vinto la medaglia d'argento nei 50 sl ai Mondiali. L'azzurro ha chiuso con 21''90 alle spalle del brasiliano Cesar Cielo (21''50). Medaglia di bronzo per il francese Alain Bernard (21''92). Kimi come si fa chiamare, per la sua passione per l'ex pilota della Ferrari Raikkonen, dopo il settimo posto nella finale dei 100 sl, ottiene con questa meravigliosa medaglia la definitiva consacrazione a livello mondiale nella velocità. E' lui l'erede designato di Filippo Magnini con il quale si era divertito in una simpatica intervista doppia a Sky.it poco prima della partenza per la Cina.

"Devo ancora realizzare, è incredibile, non credo a quello che ho fatto". Non vuole proprio credere di essere riuscito a salire sul podio nei 50 stile libero tra due big del nuoto come Cielo e Bernard, Luca Dotto. Dopo aver vinto la medaglia d'argento l'azzurro non riesce neanche a parlare. "Mi è scappato il braccio in partenza poi mi sono disteso, questo 21,90 è incredibile, se me l'avessero detto di fare il podio avrei detto che erano matti. Io in piscina sono uno scansafatiche, non sono di quelli che lavora come un matto: per faccio un passettino alla volta e ci sono sempre. La mia fidanzata mi diceva di crederci, era difficilissimo, non pensavo di riuscirci ma ce l'ho fatta.  Non oso immaginare cosa sta succedendo a casa - aggiunge Dotto - la medaglia la dedico ai miei genitori per i sacrifici fatti per me, grazie a loro. La dedico anche ai miei amici e alla mia fidanzata".

100 farfalla uomini
- Terzo oro per Michael Phelps a questi mondiali. Il Kid di Baltimora ha strapazzato la concorrenza dei 100 delfino facendo gara a sé precedendo il polacco Konrad Czerniak (argento) e l'altro americano Tyler McGill (bronzo). Ai piedi del podio i due stranieri d'Italia, quarto Jason Dunford, quinto Evgeny Korotyshkin.

50 farfalla donne -
L'olandese Inge Dekker ha vinto la medaglia d'oro nei 50 metri farfalla. L'argento è andato alla svedese Alshammar, mentre il bronzo è andato alla francese Henique.

200 dorso donne –
Melissa Franklin ha vinto l’oro nei 200 dorso. Sentirete parlare spesso di questa ragazza americana di soli 16 anni che va forte un po’ in tutti gli stili. La Franklin ha preceduto l'australiana Melissa Hocking, argento, e l'olandese Sharon Van Ruwendaal, bronzo.

800 sl donne -
La nuotatrice inglese Rebecca Adlington ha trionfato negli 800 stile libero donne. Argento alla danese Lotte Friis, mentre il bronzo è stato conquistato dall'americana Kate Ziegler.

4x100 mista donna - Gli Stati Uniti hanno conquistato loro nella staffetta 4X100 mista donne. Argento alla Cina, mentre il bronzo è andato all'Australia.

Affaire Pellegrini -
La fine della storia l'ha ufficializzata via blog, e ora che il mondiale per lei è finito si dice dispiaciuta per Luca. Luca è Marin, l'ex fidanzato di Federica Pellegrini che a Shanghai ha fatto parlare di sé per i due ori vinti e per il gossip che la vorrebbe flirtare con un altro numero uno della nazionale di nuoto, Filippo Magnini. "Io e Luca avremo tempo e modo di parlare - ha detto la Pellegrini - del resto abbiamo vissuto insieme negli ultimi mesi. Io sono tranquilla, lui non è sereno e questo mi dispiace. Ma di cosa si deve rassegnare? Quando una storia finisce si sta male, si soffre: è normale. Io ho messo la testa completamente nelle gare e non ho pensato ad altro. Lui non è riuscito a fare questo stacco". Delle voci sul flirt con Magnini ribadisce: "E' un po' futile parlare di questo, io sono qui per la parte sportiva. Tutto questo è venuto fuori quando io e Luca ci eravamo già lasciati. Mi dispiace per Filippo che ha un'altra situazione. Io ora sono in vacanza. I miei genitori come l'hanno presa? Mamma e papà si sono messi a ridere, come me sono rock and roll anche loro...".

I risultati del mattino - Federica Pellegrini scende in acqua per il suo saluto ai mondiali  ma la 4X100 mista resta fuori dai giochi. La campionessa che dal mondiale torna con due ori e la conferma di essere la numero uno, ha provato a dare una mano alla staffetta che però non entra in finale e nemmeno nella rosa delle dodici che si qualificavano alle Olimpiadi di Londra. Solo 14/a la quaterna azzurra che chiude con il tempo di 4'04"74: male soprattutto in avvio con Elena Gemo (per lei Shanghai è da dimenticare in fretta), recuperare per le altre (Chiara Boggiatto, Ilaria Bianchi) è stato impossibile. Ha guadagnato una posizione la Pellegrini, ma alla fine i posti più importanti erano comunque troppo lontani. Domani nella finale dei 1500 stile ci sarà anche Samuel Pizzetti: il fondista dell'Italnuoto ha strappato l'ultimo tempo utile (14'58"30), ma avvicinare il podio sarà molto difficile. Davanti a tutti, pronto a prendersi l'oro, c'è il cinese Sun Yang, mostro in acqua non di simpatia, che con 14'48"13 ha lasciato agli altri le briciole anche in batteria. Del resto è rimasto fuori dalla rosa degli otto anche il tunisino Oussama Mellouli, solo 15/0. E non ce l'ha fatta nemmeno l'altro azzurro, l'esordiente Gregorio Paltrinieri, 19/o in 15'22"03.

Il caso -
L'Iran rischia una sanzione sportiva dopo che il suo nuotatore Mohammad Alirezaei ha boicottato la batteria delle qualificazioni nei 100 metri rana ai mondiali di Shanghai perchè vi partecipava anche un israeliano. La federazione internazionale (Fina) ha aperto un'inchiesta e ha chiesto chiarimenti ai dirigenti iraniani che avevano riaffermato la politica di non gareggiare con atleti provenienti da Israele, in linea con le direttive del presidente Mahmud Ahmadinejad. "E' una cosa che non possiamo accettare perchè la politica deve restare fuori dalle piscine", ha commentato il direttore esecutivo della Fina, Cornel Marculescu.

Tutti i siti Sky