11 dicembre 2011

Europei vasca corta: 4x50 sl d'oro, Magnini argento nei 200

print-icon
4x5

Tutta la gioia della 4x50 sl dopo l'oro conquistato a Stettino (Getty)

Nell’ultima giornata a Stettino la staffetta veloce azzurra (Dotto, Orsi, Bocchia, Rolla) si conferma la più forte. Re Magno torna sul podio: è secondo alle spalle di Biedermann. Buone notizie anche per Ilaria Bianchi, bronzo nei 100 farfalla

FOTO - L'album dei Mondiali di nuoto 2011 - l'album di SuperFede Pellegrini

Chiusura con il botto per l'Italia all'Europeo di nuoto in vasca corta, conclusosi a Stettino in Polonia. L'ultima gara in programma, la 4x50 stile libero, si tinge di bianco-rosso-verde con l'oro degli azzurri Luca Dotto, Marco Orsi, Federico Bocchia e Andrea Rolla, che hanno chiuso in 1'24"84 davanti a Russia e Belgio. L'Italnuoto rafforza così il suo dominio europeo nelle staffette veloci, raccogliendo la terza medaglia di squadra dopo l'oro nella 4x50 mista maschile e il bronzo con la 4x50 stile libero femminile. Ritrova sul podio il suo capitano Filippo Magnini, d'argento nei 200 stile libero. Scopre a livello assoluto la delfinista Ilaria Bianchi, di bronzo nei 100 farfalla, e lascia Stettino con un bilancio di tre ori, due argenti e quattro bronzi, cinque record italiani, di cui tre col costume in tessuto, e ben 36 primati personali migliorati. Numeri che danno la dimensione di come il processo di ringiovanimento e, contestualmente, di preparazione verso le Olimpiadi di Londra, stia procedendo positivamente.

Oltre ai protagonisti di oggi, i vice campioni mondiali Fabio Scozzoli e Luca Dotto hanno chiuso l'esperienza polacca con ulteriori conferme, attraverso l'oro nei 50 e il bronzo nei 100 rana e l'argento nei 100 stile libero. E' mancata solo Federica Pellegrini, che, malgrado i problemi di preparazione che ne hanno condizionato la prestazione nei 400 stile libero, ha contribuito allo storico bronzo della staffetta veloce. Per l'Italia quello della 4x50 sl è il quarto podio consecutivo nella specialità dopo l'argento di Rijeka 2008, il bronzo di Istanbul 2009, l'oro di Eindhoven - a cui va aggiunto l'argento di Riesa 2002 - con Marco Orsi sempre in squadra.

In precedenza Magnini aveva rispolverato la bracciata dei bei tempi con uno straordinario 1'43"20, argento che spaventa addirittura il tedesco Paul Biedermann. L'azzurro torna super con il quarto tempo mai nuotato nella distanza e sul podio individuale dopo gli Euroindoor di Istanbul 2009, dove conquistò il bronzo nei 100 sl. "Avevo disperatamente bisogno di vincere una medaglia - ha detto - Ho sempre sentito di essere competitivo, l'ho sempre dimostrato con buone prestazioni, ma pochi centesimi mi hanno impedito di dimostrarlo nelle finali che contano degli ultimi anni. Sono tornato".

Dopo quello di Magnini c'è stato il bronzo di Ilaria Bianchi nei 100 farfalla. La 21enne bolognese di Castel San Pietro Terme sorprende tutti firmando il record italiano col tempo di 57"42 e i secondi 50 più veloci della finale, come la britannica Jamma Lowe d'argento. Medaglia d'oro alla danese Jeanette Ottesen. Per l'azzurra è la prima medaglia internazionale in carriera a livello assoluto. "E' stata una sorpresa andare così forte - sottolinea - Questi giorni sono stati un crescendo di forma e soddisfazioni. Dopo aver stabilito il personale nei 100, questa medaglia e' la ciliegina sulla torta".

Altre due medaglie per l'Italia agli Europei in vasca corta di nuoto. Discutine nei Forum

Tutti i siti Sky